Figli disabili: €2000 di aiuto extra ma la domanda va fatta entro il 30 settembre

Arriva un nuovo aiuto da €2000 collegato alla legge 104 ed è sicuramente un bonus da non perdere per tutte quelle famiglie nelle quali ci sia un figlio disabile.

Come sappiamo la legge 104 offre tantissimi aiuti quando si parla di disabilità e questo nuovo bonus da €2.000 extra sicuramente non fa eccezione.

ANSA

La domanda va presentata entro il 30 settembre 2022. Questo nuovo bonus va ad aiutare proprio quelle famiglie che si trovino nella delicatissima situazione di avere un figlio disabile.

Come funziona il nuovo bonus

La disabilità crea sempre tanti problemi organizzativi e anche economici nelle famiglie italiane. Ma quando il disabile è un figlio tutto diventa più complesso.

Pixabay

E’ assolutamente importante quindi capire questo nuovo aiuto che può essere erogato proprio grazie alla legge 104. La legge 104 è stata emanata nel 1992 ma si tratta di una legge quadro che subisce continuamente degli aggiornamenti. Quindi non deve stupire se una legge così vecchia viene evoluta continuamente in maniera tale da adattarsi alle nuove necessità. Il governo italiano grazie alla legge 104 offre tanti aiuti alle famiglie in cui ci sia la disabilità. Ma gli aiuti spesso sono offerti proprio in collaborazione tra il Governo e gli enti locali.

Un aiuto importante

questo bonus da €2000 per i figli disabili è uno di questi bonus che nasce proprio dalla sinergia tra lo Stato e le regioni. In particolare è la regione Val d’Aosta ad aver messo in campo questo nuovissimo aiuto. Questo bonus da 2.000 euro è nato nel 2021. Ma si potrà chiedere per tre anni. Quindi si è potuto chiedere l’anno scorso, si può chiedere quest’anno e si potrà chiedere anche l’anno prossimo. Grazie a questi duemila euro ci sarà un aiuto prezioso per tutti i figli tra i tre e 21 anni di età. Sul sito della regione c’è il bando con tutte le specifiche per poter richiedere questo bonus.

I requisiti

Una delle caratteristiche di questo bonus è che poter per poter essere richiesto nel nucleo familiare ci deve essere almeno un lavoratore che abbia la partita iva. Parliamo di una partita IVA che deve essere attiva nel momento della domanda e che va proprio acclusa alla domanda stessa. Ma è importante capire che molte regioni italiane erogano dei bonus extra per i disabili. Quindi è sempre importante verificare sul sito della propria regione quali aiuti extra la regione mette in campo per i disabili e quali sono i requisiti per potervi rientrare.