Bossi fuori dal Parlamento dopo 35 anni. Salvini: “Senatore a vita”

Il fondatore della Lega Nord non è stato eletto a Varese in quanto lì la Lega non ha preso nemmeno un seggio nel listino proporzionale. Ora Salvini vorrebbe proporlo senatore a vita. 

Umberto Bossi non sarà parlamentare della XIX Legislatura. Il fondatore della Lega Nord è vittima dello scarsissimo risultato raccolto dal suo partito in questa tornata elettorale e per la prima volta dal 1987, data in cui divenne senatore, rimarrà fuori dal Parlamento dopo ben 35 anni consecutivi.

Bossi era candidato alla Camera nel collegio di Varese nel listino proporzionale come capolista ma qui clamorosamente la Lega non è riuscita a conquistare nemmeno un seggio e il Senatùr è rimasto tra gli esclusi. Il rischio di rimanere fuori era caldeggiato già lunedì sera, quando nella sede del partito si facevano i calcoli sui resti legato allo scrutinio, oggi è arrivata la conferma.

BOSSI SENATORE A VITA?

Matteo Salvini però non ha intenzione di rinunciare all’uomo simbolo della Lega e lo vuole proporre come senatore a vita “Sarebbe il giusto riconoscimento dopo trentacinque anni al servizio della Lega e del Paese” ha affermato l’attuale segretario del Carroccio. Una battaglia che “porterò avanti personalmente, sicuramente con l’appoggio non solo della Lega ma di tantissimi italiani, questa proposta”. Da parte sua Bossi ha dichiarato che non si voleva candidare ma lo ha fatto “per rispetto della militanza“.

QUANDO SALVINI VOLEVA ABOLIRE I SENATORI A VITA

Il leader della Lega ha dichiarato per diversi anni di voler abolire l’istituzione dei senatori a vita. Per esempio nel 2019 Salvini pubblicò un video per pubblicizzare la raccolta firme “per un sistema elettorale maggioritario, per l’elezione diretta del presidente della Repubblica e l’abolizione dei senatori a vita“. Nel 2013 Salvini criticò duramente l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per la nomina di nuovi senatori, scrivendo su Facebook “Con tutto il rispetto per le persone scelte, la nomina di 4 NUOVI SENATORI A VITA è una PRESA PER IL CULO per gli italiani che fanno sacrifici- Dobbiamo tagliare, faticare e risparmiare, e Napolitano ha la bella idea di inventarsi altri 4 stipendi a vita… Che li PAGHI LUI, questi nuovi senatori! Sarebbe ora di ABOLIRE la carica di SENATORE A VITA! Siete d’accordo?

Salvini dimentica inoltre un dettaglio importante, ovvero il fatto che l’articolo 59 della nostra Costituzione non preveda la nomina di più di cinque senatori a vita. Attualmente ricoprono questo ruolo Mario Monti, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Carlo Rubbia e Liliana Segre, nominata solo dopo il decesso di Claudio Abbado. Premesso che la scelta di una nomina può arrivare solamente dal Presidente della Repubblica, si dovrebbe attendere in ogni caso che qualcuno degli attuali senatori a vita passi a miglior vita.