Home News Sea Watch 3: Migranti sbarcati, comandante arrestata. Salvini: giustizia è fatta

Sea Watch 3: Migranti sbarcati, comandante arrestata. Salvini: giustizia è fatta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:47
CONDIVIDI

Sea Watch migranti sbarcati comandante arrestata. Carola Rackete ha invocato “lo stato di necessità” ma viene portata via dai finanzieri con l’accusa di resistenza o violenza contro nave da guerra. Motovedetta della Finanza prova a fermarla per due volte rischiando di essere schiacciata contro la banchina. Applausi sul molo delle tante persone che hanno solidarizzato con i migranti

Sea Watch migranti sbarcati comandante arrestata – Carola Rackete Comandante Nave Sea Watch – meteoweek.com

Intorno all’1,50 l’imbarcazione Sea Watch 3 dopo oltre 36 ore ad pochi centinaia di metri dalle coste, ha deciso di riprovarci, ha acceso i motori e si è avvicinata al molo commerciale di Lampedusa. La mossa a sorpresa della capitana tedesca Carola Rackete ha dato i suoi frutti, senza autorizzazione preventiva, invocando lo stato di necessità è riuscita a fermare la barca nel porto. Peraltro l’aveva comunicato: sbarcheremo a Lampedusa. Così è stato.

Sea Watch migranti sbarcati comandante arrestata

Dopo un’ora il Comando della Guardia di Finanza composto da diverse agenti che solo saliti a bordo ed hanno arrestato Carola Rackete. Al momento, le accuse contestate in fragranza di reato sono “resistenza o violenza contro nave da guerra”, un reato che prevede una pena da tre a dieci anni e  “tentato naufragio”, a proposito della manovra d’attacco pericolosa che la Comandante ha utilizzato per attraccare in porto. Una motovedetta della Guardia di Finanza stava impedendo l’approdo non autorizzato della nave nel porto, aveva provato ad ostacolare l’ingresso, ma il tentativo è fallito. Ad un certo punto l’imbarcazione dei finanzieri era sulla banchina e stava rischiando di essere schiacciata dalla Sea Watch 3. Ora si attente la convalida del Magistrato della Procura di Agrigento dott. Vella che valuterà tutti gli elementi.

La delegazione parlamentare del Pd, Sinistra Italia e Radicali è rimasta sulla Sea Watch 3 in attesa di conoscere l’esito dei migranti rimasti a bordo. Un gruppo di persone che si trovavano sulla banchina del porto difronte all’imbarcazione hanno contestato contro Delrio, Orfini, Faraone, Frantoianni, alle grida “prima gli italiani”. Il capogruppo del Pd Delrio ha commentato: “Già ieri sera la capitana voleva entrare, ma le abbiamo chiesto di aspettare che il governo trovasse Paesi disponibili ad accogliere i migranti. Ora quegli accordi ci sono, ma nessuno ha dato l’autorizzazione allo sbarco. La situazione era diventata troppo critica, quindi la capitana Carola ha preso questa decisione“.

La comandante Carola non aveva altra scelta – dice Giorgia Linardi, portavoce di Sae Watch Italia – da 36 ore aveva dichiarato lo stato di necessità che le autorità italiane avevano ignorato“. “E’ stata una decisione disperata – dicono i legali della Ong tedesca Leonardo Marino e Alessandro Gamberini – per una situazione che era diventata disperata“.

Sea Watch migranti sbarcati comandante arrestata

Angela Maraventano della Lega arriva sul molo con un gruppo di sostenitori leghisti e ha urlato contro l’equipaggio della Sea Watch: “Vergognatevi. Siete i complici degli scafisti. Questa è la mia isola e voi la state invadendo. Fate scendere i migranti ma la capitana deve essere arrestata immediatamente. L’Italia questa sera è stata violentata“.

All’alba i migranti sono stati autorizzati a scendere dalla Sea Watch 3.

Matteo Salvini intervistato dal Gr1: “Tutti gli immigrati a bordo saranno distribuiti in 5 Paesi. Brilla per il suo menefreghismo il governo olandese che ha dato una bandiera a una nave fuorilegge fregandosene di quello che l’equipaggio di questa nave è andato in giro a fare nel Mediterraneo”. Il ministro dell’Interno aggiunge sulla delegazione della sinistra a bordo della Sea Watch 3: “I parlamentari italiani a bordo della nave fuorilegge sono incredibili: io fossi in loro e nei loro elettori mi vergognerei”.Il leader della Lega continua sul proprio profilo social: “Stanotte comportamento criminale della comandante (tedesca) della nave pirata (olandese) che ha tentato di schiacciare contro la banchina del porto di Lampedusa una motovedetta della Guardia di Finanza, con l’equipaggio a bordo, mettendo a rischio la vita degli agenti. Delinquenti! Io sto con le Forze dell’Ordine, io sto con la Legge, io sto con l’Italia“, postando anche un video del rischio di collisione.