Un continente galleggiante di pomice in mezzo all’oceano Pacifico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:49

Una massiccia “zattera” di roccia vulcanica delle dimensioni di 20.000 campi da calcio ha fluttuato attraverso l’Oceano Pacifico verso l’ Australia e potrebbe portare una vasta gamma di vita marina nella Grande Barriera Corallina.

Un continente di pomice in mezzo all’oceano – meteoweek.com

La barriera corallina ha visto una riduzione dell’89% nei nuovi coralli in seguito allo sbiancamento di massa – quando l’acqua insolitamente calda ha distrutto gran parte delle sue alghe colorate, una fonte di cibo – nel 2016 e nel 2017.

I marinai avevano scoperto per la prima volta il gigantesco strato di roccia vulcanica prodotto da un vulcano sottomarino vicino all’isola del Pacifico di Tonga il 9 agosto, secondo l’Osservatorio della Terra della NASA.

Siamo entrati in una chiazza totale di macerie di roccia formata da pietre pomici dal marmo alle dimensioni del basket“, ha detto la coppia. “Era un po’ un mistero, non sapevamo quanto fosse profondo [o] se stessimo navigando su un vulcano che era attivo in quel momento. Sembrava quasi che ce ne fossero altri in arrivo, gorgoglianti da sotto” la coppia ha scritto su Facebook.

 

Dall’incontro, la coppia ha lavorato con il professore di geologia Scott Bryan del Queensland University of Technology (QUT), prendendo campioni e immagini della formazione rocciosa vulcanica unica.

Bryan ha affermato che le creature marine come coralli, granchi, lumache, vermi e cirripedi potrebbero fare un giro sulla “zattera” mentre si fa strada verso l’Australia, definendola un “potenziale meccanismo per rifornire la Grande Barriera Corallina”.

Ha aggiunto: “Sulla base degli eventi passati con la zattera di pomice che abbiamo studiato negli ultimi 20 anni, porterà nuovi coralli sani e altri abitanti della barriera corallina nella Grande Barriera Corallina“.

Uno sguardo più da vicino al foglio di roccia vulcanica che si fa strada verso la Grande Barriera Corallina. (NASA) – meteoweek.com

 

Gli scienziati hanno affermato che la “zattera”, che era sott’acqua per circa il 90 percento, avrebbe dovuto dirigersi verso l’Australia nei prossimi sette o dodici mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui