Ilaria Cucchi: Io sindaco? Non mi interessano i soldi

Ilaria Cucchi ha smentito con un post pubblicato su Facebook le voci che la vorrebbero vicina ad una candidatura vicina al Campidoglio

Con un post pubblicato su Facebook Ilaria Cucchi, sorella di Stefano morto a causa di un pestaggio da parte di alcuni carabinieri in carcere dieci anni fa, ha scritto che non ha intenzione di candidarsi a sindaco di Roma. Smentite dunque le voci che la vorrebbero vicina ad una candidatura al Campidoglio.

leggi anche–> Tragedia a fermo, esplosione di un distributore di benzina: c’è un morto

clicca qui–> Decessi per antibiotico-resistenza: in Italia 10 mila morti in un anno

Il post su Facebook

«Non ho nessuna intenzione di candidarmi a sindaco di Roma. Io faccio politica tutti i giorni, ma in mezzo alla gente». Così, ha scritto in un post pubblicato su Facebook, Ilaria Cucchi. E poi: «Prima gli insulti e le minacce ora la fake news. Si tratta sicuramente di una coincidenza temporale con le simpatiche esternazioni dell’ex ministro dell’interno. Non ho nessuna intenzione di candidarmi a Sindaco di Roma. Non invidio certo la posizione della Sindaca Raggi e mai mi sognerei anche solo di immaginare di prendere il suo posto. Politica io la faccio tutti i giorni in mezzo alla gente e non coi soldi dei cittadini».

Leggi anche–>Ilaria Cucchi querela Matteo Salvini: “Non si doveva permettere di dire quelle frasi”

Intanto nei giorni scorsi si è innescata una polemica tra l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini e Ilaria Cucchi. Polemica nata dalle pesanti dichiarazioni del leader del Carroccio su Stefano Cucchi. Ospite di Lucia Annunziata, durante il programma in onda su Raitre – “In mezz’ora in più” – Ilaria Cucchi ha infatti dichiarato di voler presentare una querela proprio contro Salvini per le sue dichiarazioni sulla morte del fratello a causa della droga.

vedi anche–> Caso Stefano Cucchi, condannati due carabinieri a dodici anni

La sorella di Stefano ha affermato: “Anche a me fa paura la droga – dichiara Ilaria – ma mio fratello Stefano non è morto a causa della droga”. Ci sono voluti dieci anni per arrivare alla verità sulla morte del giovane geometra romano. Dieci anni di indagini che hanno portato alla condanna dei responsabili.