Biella no alla cittadinanza onoraria per Liliana Segre, sì per Ezio Greggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:30

Dopo aver negato la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, l’ amministrazione leghista della città di Biella ha annunciato il riconoscimento al comico e attore Ezio Greggio

Hanno negato a Biella il riconoscimento alla senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta all’Olocausto, ed ecco che a distanza di pochi giorni è arrivata la notizia che sarà conferita a Ezio Greggio la cittadinanza onoraria. La notizia, che ha fatto il giro del web, ha scatenato la polemica e le proteste di molti utenti. Ma anche di alcuni esponenti del Partito democratico. Tra questi, il segretario regionale Paolo Furia che ha parlato di “Biella città medaglia d’oro della Resistenza che non merita questo degrado”. E ancora: “Che delusione, il rifiuto di dare la cittadinanza onoraria a una donna, la nostra senatrice Segre, che avrebbe potuto farci l’onore di incontrare i nostri giovani e i nostri studenti, per raccontare la storia che qualcuno preferirebbe dimenticare”. Così ha scritto il segretario Furia sul suo profilo Facebook commentando l’annuncio dell’ufficio stampa comunale.

leggi anche–> Manovra, estesi i congedi parentali. Proposta per la legalizzazione della cannabis

vedi anche–> Tragedia a fermo, esplosione di un distributore di benzina: c’è un morto

Il riconoscimento al conduttore Ezio Greggio

Dopo l’ok ricevuto dalla giunta di centrodestra, che si era opposta all’idea della cittadinanza onoraria per la senatrice, su proposta di alcune liste civiche, il prossimo 23 novembre sarà assegnato il riconoscimento al conduttore. Ecco la motivazione ufficiale del riconoscimento: “La decisione ha molteplici motivazioni legate alla carriera di Greggio, al suo impegno rivolto al sociale e al forte legame mantenuto con le sue origini, la città natale Cossato e appunto il capoluogo Biella”. E ancora, tra le motivazioni ufficiali, si legge: “Si conferisce a Ezio Greggio il titolo di cittadino onorario per la popolarità televisiva come conduttore, giornalista, attore e regista; per il suo costante impegno attraverso l’associazione “Ezio Greggio per i bambini prematuri”; per aver contribuito a diffondere in Italia e nel mondo il nome di Biella”.

Prima di Greggio, il prestigioso riconoscimento era stato conferito all’artista Michelangelo Pistoletto e allo stilista Nino Cerruti.