Manovra, il premier Conte: “Sì a modifiche auto aziendali”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:26

Il presidente del Consiglio allo stabilimento Fca di Melfi: “Credito imposta green al 10% per le imprese”. E sulle emissioni: “Ulteriore fondo di 4 miliardi per ridurre gas clima-alteranti”

Il premier Giuseppe Conte si fa la foto mentre mangia | un déjà-vu - meteoweek.com
Il premier Conte

Il premier Conte rilancia, dallo stabilimento Fca di Melfi (Potenza) l’azione di governo sui temi ecologici e degli sgravi alle imprese che andranno nella direzione ‘green’. “Il governo – ha spiegato dalla Basilicata – ha avviato dialoghi profondi con tutti i soggetti coinvolti per giungere ad una soluzione quanto più condivisa, che riveda in modo netto la misura sui ‘fringe benefit’ legati alle auto aziendali ad uso promiscuo. Sono in atto confronti direi produttivi, per mano anche del Ministero dell’Economia”.

Leggi anche >> Il Ticino rompe gli argini, allagato nella notte il Borgo. Il fiume continua a crescere

Conte annuncia misure importanti nella Legge di Bilancio 2020. “Già in quella circostanza ci saranno, nell’ottica di una conversione dei sistemi attualmente in vigore, delle novità che andranno verso la conversione ecologica. Abbiamo previsto – spiega – un credito d’imposta green del 10% per le imprese che realizzano investimenti in grado di ridurre in maniera significativa le emissioni. Vogliamo rendere il tutto più efficiente, più ecologico. E minimizzando la produzione di rifiuti”.

Un fondo di 4 miliardi sarà destinato, per stessa ammissione del presidente del Consiglio, andrà a sostenere gli “investimenti per ridurre le emissioni di gas clima-alteranti”. Su questo versante, Conte ha ribadito l’importanza della Basilicata e dello stabilimento di Melfi, messo al centro del progetto green. “E’già una eccellenza europea e può crescere ancora con i suoi 15.000 dipendenti tra indotto e fabbrica digitalizzata. Melfi è una realtà virtuosa. Ha le carte per potersi trasformare, nel tempo, sul modello di realtà come Israele e Singapore. Sarà fondamentale rafforzare ricerca e sviluppo”.

Leggi anche >> Natalità in calo, l’Istat riferisce: 18mila nati in meno nel 2018 rispetto al 2017