Attenzione alla privacy digitale: Italia seconda in Europa per spionaggio domestico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:20

Se la privacy è importante, non sottovalutiamo quella digitale. Gli stalkerware, programmi di spionaggio domestico, sono molto usati secondo alcune ricerche e l’Italia si piazza al secondo posto in Europa come popolo più “spione”

In aumento lo spionaggio domestico nel digitale. Italia seconda in Europa – meteoweek

I rischi legati al digitale sono molti e non ci si rende conto mai abbastanza dell’importanza di conoscere le cyber minacce e come proteggersene. In un mondo dove la tecnologia è dappertutto, dove la vita sta diventando sempre più…virtual. Protagonista assoluto è lo smartphone: dal mattino alla sera passiamo la maggior molta della nostra giornata con il cellulare in mano.

In aumento gli stalkerware, programmi di spionaggio domestico

Stando ad una ricerca diretta da Kaspersky, società di sicurezza informatica mondiale, sarebbero in aumento gli stalkerware, programmi di spionaggio domestico, che potrebbero consentire l’accesso a messaggi, fotografie, social media, geolocalizzazione, audio e video.

Italia medaglia d’argento in Europa per chi spia di più gli smartphone altrui

Con un aumento del 93% delle incidenze rispetto al 2018, il nostro Paese è secondo in Europa, e gli italiani uno dei popoli “più spioni”, che cercherebbero di controllare lo smartphone di parenti, fidanzati e colleghi.

Ma come fare per guardarsi da questo fenomeno? Cinque consigli:

1. Utilizzare password complesse: non è scontato dirlo. Per impedire a chiunque l’accesso allo smartphone dimentichiamoci date di nascita o la stessa solita password. Piuttosto occorre impostare password articolate e non facili da indovinare, meglio se costituite da minimo otto caratteri alfanumerici e con caratteri speciali.

2. Utlizzare il fingerprint: il riconoscimento tramite impronta digitale associato ad una password complessa è sicuramente un modo veloce ma efficace per allontanare spioni dal nostro smartphone.

3. Accedere a wifi sicure: se la wifi pubblica consente gratuitamente e in maniera pratica l’accesso a internet quando si è fuori casa, potrebbe essere un canale preferenziale di pirati informatici. Meglio evitarle utilizzando reti sicure.

4. Scaricare app solo da store ufficiali: gli store ufficiali sono il posto migliore per utilizzare app senza incappare in truffe. Meglio assicurarsi della sicurezza della fonte da cui scarichiamo le nostre app.

5. Prestare attenzione alle policy sulla privacy: se di istinto si accettano tutte le policy privacy delle app che scarichiamo, è bene invece leggerle e analizzarle con attenzione per sincerarsi di tutte le assicurazioni che forniamo.