La dieta amica del cuore: pasta, caffè, cioccolata e quella mediterranea

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:17

Qual è la dieta salva-cuore? Lo dicono i cardiologi di tutto il mondo: peperoncino, cioccolato fondente, caffè e dieta mediterranea. L’alimentazione corretta sarà il vero farmaco del futuro

Dieta salva-cuore: pasta, peperoncino, caffè e cioccolata fondente – meteoweek

Peperoncino, pasta, caffè e cioccolato fondente; promosse anche dieta mediterranea, spezie e carboidrati integrali: questa sarebbe l’alimentazione amica del cuore. Lo dicono 4 mila cardiologi di tutto il mondo al congresso Platform of laboratories for advanced in cardiac experience (Place) che si è tenuto a Roma il 22 e 23 novembre.

Gli alimenti: farmaci del futuro

“Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro, soprattutto per il cuore”, afferma Leonardo Calò, Presidente del Congresso Place e Direttore Uoc di Cardiologia del Policlinico Casilino.

Quali sono i cibi salva-cuore

Niente demonizzazione del caffè quindi (fino a tre al giorno) e della cioccolata (anche 30-40 grammi al giorno, basta che sia fondente all’80-85%), perché possiedono ottimi effetti antiossidanti sull’apparato cardiovascolare.

Inoltre si confermano ancora super-food pasta e pane, preferibilmente integrali, di farro e orzo. Avrebbero poi un effetto molto efficace sulla longevità l’uso di spezie e aromi come curry, zenzero, basilico, prezzemolo, origano, cipolla rossa, pepe e capperi.

Tra i cibi salva-cuore, anche cibi e bevande rosse: promossi dai cardiologi il vino rosso, i frutti rossi-violacei, il pomodoro, meglio se cotto perché libera una sostanza che un principio positiva anche per contrastare l’insorgere del cancro.

Attenzione a proteine animali, sale e zucchero

Occorre prestare attenzione, invece, alle proteine animali (massimo 0,8 grammi per chilo di peso corporeo), al sale (da diminuire, se non da eliminare) e ai surrogati del pane come ad esempio cracker e grissini, che generano picchi di insulina e non fanno altro che far venire più fame.

Cartellino rosso per lo zucchero, in particolare quello contenuto nei cibi o in forma raffinata, poiché favorisce l’insorgere di neoplasie e delle malattie del cuore.