Chi è moroso con banche e finanziarie non può attivare utenze luce e gas

La denuncia della Federconsumatori: niente luce e gas a chi è moroso nei confronti di banche, finanziarie, enti publlblici, ecc. Ma con alcune eccezioni

Niente luce e gas per chi è moroso copn banche e finanziarie – meteoweek

Niente luce e gas per chi è moroso con banche e finanziarie: è la denuncia della Federconsumatori, che chiede un urgente incontro col Governo e con l’Arera (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente).

L’intento è quello di negare contratti di luce a gas a coloro che ritardano l’adempimento dell’obbligazione economica con finanziarie e istituti bancari.

Come effettuare i controlli fiscali

Per quanto riguarda gli eventuali controlli fiscali, afferma la Federazione: «Non spetta all’azienda che eroga l’energia sindacare chi abbia diritto o meno all’attivazione dei servizi, a maggior ragione dal momento che l’azienda non può né è tenuta a conoscere la situazione in cui versano gli utenti discriminati attraverso tale politica».

Queste informazioni sarebbero invece rilevabili dalla consultazione del Sic, il sistema di informazioni creditizie, dove sono contenute le specifiche dei pagatori con debiti nei confronti delle banche, società finanziarie, enti pubblici ecc.

Chi sono le eccezioni: i morosi incolpevoli

Tuttavia la Federconsumatori fa alcune eccezioni, chiedendo inoltre al Governo «l’avvio di un tavolo di confronto per definire al più presto un canale “preferenziale” per i cittadini in forte disagio economico o sociale, affinché vengano attivati gli opportuni strumenti di tutela».

leggi anche -> L’8 per mille all’edilizia scolastica: proposta al decreto legge

leggi anche -> Bollo auto: emendamento al Dl Fisco per combattere l’evasione

Tra coloro che saranno esentati dalla decurtazione di luce e gas, i morosi incolpevoli, cioè di tutte quelle persone che per qualche grave motivo non sono in grado di estinguere i propri debiti: coloro che si trovano in cassa integrazione o che hanno subito un licenziamento, le vittime di violenza o di ludopatia.

Queste persone sono escluse dalla denuncia della Federazione, che non intende negare i servizi minimi a coloro che già vertono in condizioni di estremo disagio.