La Scala dei Turchi, in Sicilia, si sta sgretolando. Pericolosa per i turisti

La Scala dei Turchi, sito naturale candidato a patrimonio dell’Unesco, in provincia di Agrigento, si sta sgretolando a causa dell’eccessiva cementazione. Luogo di grande turismo, ora è pericoloso per i visitatori

La Scala dei Turchi (Agrigento) si sta sgretolando. Turisti, attenzione! – meteoweek

“La Scala dei Turchi si sbriciola: centinaia di massi sono venuti giù, durante il maltempo degli scorsi giorni. I detriti di marna sono collassati sui gradoni naturali della maestosa scogliera di Realmonte”.

Colpa della cementificazione

Lo denuncia l’associazione ‘Mareamico’ di Agrigento. “L’eccessiva cementificazione tutto intorno a lei ha modificato il normale deflusso delle acque meteoriche e poi l’esagerata frequentazione dei luoghi ha fatto il resto – espone Claudio Lombardo -La Scala dei Turchi si sta sciogliendo come neve al sole e ad accorgersene è solo Mareamico. Ormai sono anni che documentiamo lo stato di abbandono di questo luogo candidato a patrimonio dell’Unesco“.

Pericolosa per i turisti

“Solo alcuni mesi fa la Scala dei Turchi era stata riaperta alla fruizione, dopo il crollo del lato est, ripristinato con un’opera di disgaggio finanziato dalla Regione Sicilia – spiega Mareamico -Tutti devono sapere che questo è un luogo estremamente pericoloso. Soprattutto il gran numero di turisti che la frequentano non sono consapevoli del pericolo che corrono durante la sua visita. Non possiamo sempre gridare al miracolo”.

leggi anche -> L’8 per mille all’edilizia scolastica: proposta al decreto legge

leggi anche -> Bollo auto: emendamento al Dl Fisco per combattere l’evasione

Sito da monitorare

Stando a Mareamico, “Occorre un’operazione di responsabilità: va interdetto il versante ovest che si affaccia su lido Rossello. Ed urge una programmazione e una seria gestione del sito, con il contingentamento delle presenze”.

“La Scala dei Turchi richiama ogni anno centinaia di migliaia di visitatori, con un riverbero importante sull’aspetto turistico e di conseguenza economico del territorio, merita dunque la giusta attenzione”.