Camminare fa bene alla linea… e al cervello: parla la scienza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:44

Camminare è un’attività salutare, sotto molti punti di vista, ma pochi sanno che oltre alla linea fa bene al cervello e ne migliora il funzionamento.

Camminare fa bene al corpo ma anche alla mente. Ecco i benefici – meteoweek

È un esercizio semplice, adatto a tutte le età, che richiede solamente un po’ di costanza, delle scarpe comode e un po’ di spazio, preferibilmente all’aria aperta, per poter passeggiare.

Non tutti sanno, inoltre, che con meno di un’ora al giorno di camminata ci si può mantenere in forma nel corpo e anche nella mente. La mente e il corpo e la loro salute, sono infatti strettamente collegati, quindi ciò che fa bene al corpo può far bene alla mente e viceversa.

Studi recenti stanno dimostrando sempre più quali sono i numerosi benefici che si ottengono camminando, da quelli fisici a quelli mentali.

Benefici per il corpo

Gli esperti sostengono che camminare con una marcia lenta di almeno 30 minuti al giorno senza fermarsi, consenta di mantenersi in salute ed in linea.

Unito ad una buona alimentazione, questo esercizio aiuta a contrastare la formazione di colesterolo, l’ipertensione e l’insorgenza di malattie cardiache. Essendo una sana attività fisica, camminare aumenta le difese del sistema immunitario, aiutandolo nella prevenzione delle malattie.

Inoltre è un esercizio indicato per perdere peso, poiché elimina le riserve di grasso, facilitando il metabolismo. Favorisce la circolazione sanguigna, tonifica i muscoli e la pelle ed elimina i cuscinetti della cellulite.

leggi anche -> Effetti di tablet, smartphone e videogiochi sui bimbi: modificano il cervello

leggi anche -> La dieta amica del cuore: pasta, caffè, cioccolata e quella mediterranea

Benefici per la mente

Mentre camminiamo, il nostro organismo produce ormoni benefici come la serotonina e le endorfine, che combattono l’ormone dello stress, il cortisolo, prodotto naturalmente dall’organismo in situazioni stressanti o in cui è richiesta una prestanza psico-fisica.

Camminare all’aria aperta e soprattutto in una bella giornata di sole, aiuta anche a contrastare la depressione, permettendo all’organismo di incamerare vitamina D, un ottimo antidepressivo naturale che si assorbe tramite i raggi solari, indispensabile per la salute.

Secondo alcune ricerche, tra l’altro, camminare favorisce le funzioni creative, mnemoniche e di apprendimento. Passeggiando, il cuore pompa sangue più velocemente, così da consentire un maggiore apporto di ossigeno al cervello e favorendo l’attenzione e la memoria.

Inoltre, come in qualsiasi attività fisicamente ripetitiva che non richieda sforzo mentale, il corpo è impegnato senza stress ed il pensiero più sgombro e creativo.

Camminare fa bene al cervello: parla la scienza

Per valutare gli effetti benefici sul cervello di questa semplice attività motoria, si stanno effettuando studi ed esperimenti, come quelli realizzati dalle Università di Stanford e del Sud Carolina.

All’Università di Stanford, una di queste sperimentazioni coinvolgeva 176 studenti in alcuni test di creatività, come ad esempio dover pensare ad un utilizzo diverso di alcuni oggetti di uso quotidiano, rispetto a quello solito.

I volontari sono stati divisi in tre gruppi, un gruppo che svolgesse il test stando in posizione ferma e seduta, uno camminando attorno al campus ed un altro durante una corsa sul tapis roulant.

Risultava che gli studenti che avevano effettuato il test mentre camminavano, avessero ottenuto esiti di creatività molto più validi.

In un esperimento simile realizzato all’Università del Sud Carolina, è stato invece sottoposto un test di memoria a due gruppi di studenti, ad uno mentre camminava in mezzo alla natura, all’altro tra le strade cittadine.

Il risultato della prova mnemonica riscontrato tra gli studenti che passeggiavano in mezzo alla natura appariva migliore rispetto al gruppo che aveva camminato tra le strade cittadine.

Un bel paesaggio inoltre, come può essere quello che si osserva camminando nel verde, in riva al mare o semplicemente in un parco, produce nel corpo sensazioni positive che rilasciano serotonina, rilassando la mente.

Un segreto semplice per stare bene, anche in compagnia

Camminare, soprattutto all’aria aperta, è quindi un’attività sportiva low cost ed un vero toccasana per corpo e mente: una soluzione che per tutti, dai più ai meno giovani, può essere di aiuto per mantenersi in salute e tenere attivo il cervello.

Per chi vuole, è anche un modo piacevole di stare in compagnia, condividere insieme del tempo e i vantaggi di questo segreto semplice per stare bene, sotto tutti i punti di vista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui