Scoperta mappa delle emozioni nel cervello: cura per depressioni e fobie?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:35

Scoperta la mappa delle emozioni nel cervello durante la visione del film ad alto contenuto emozionale Forrest Gump: la scoperta sarà implicata per la cura di depressioni e fobie

La giunzione temporo-parietale destra: qui sono indicate topograficamente le emozioni

Gioia, euforia, rabbia, tristezza, malinconia. Ogni emozione della nostra vita è contenuta in un tratto di nemmeno tre centimetri di cervello, nella giunzione temporo-parietale destra: è qui che vengono “rappresentate” in base alla loro diversità e intensità in una sorta di mappa.

Trovata la mappa delle emozioni nel cervello: implicazioni nella cura di depressioni e fobie

Per scovarla è bastato “accendere” i circuiti emotivi nel cervello di alcuni volontari. Come? Guardando un film ad alto contenuto emozionale, come Forrest Gump.

La scoperta, che avrà senz’altro grandi implicazioni per la cura di depressione e fobie, è stata pubblicata su Nature Communications dai ricercatori del Molecular Mind Laboratory (MoMi Lab) della Scuola Imt Alti Studi Lucca.

Il gruppo di ricerca, coordinato dallo psichiatra Pietro Pietrini, e capeggiato dalla giovane dottoranda Giada Lettieri, ha individuato che il cervello può rappresentare “topograficamente” quanto è complesso ciò che proviamo: da quali emozioni viviamo in un dato momento a quanto sono intense, con lo stesso meccanismo di funzioni base come vista, udito, olfatto, gusto, tatto.

Mappa individuata grazie a Forrest Gump

La chiave per trovare questa mappa è stata la visione della pellicola di Forrest Gump. I ricercatori l’hanno fatta visionare a un gruppo di 15 volontari, a cui avevano chiesto di riportare meticolosamente, per ogni scena, le emozioni provate e la loro intensità.

leggi anche -> Ricerca sull’Alzheimer: scoperto anticorpo che “ringiovanisce” il cervello

leggi anche -> Neuroni artificiali in arrivo: svolta per la medicina, cureranno molte patologie

Dati confrontati con studio analogo in Germania

Questi dati sono stati successivamente confrontati con quelli ottenuti in Germania ottenuti dal progetto di ricerca ‘studyforrest’, su altre 15 persone coinvolte nella visione dello stesso film, mentre il funzionamento del loro cervello veniva studiato con risonanza magnetica funzionale.

Regioni del cervello in grado di individuare con anticipo gli stati d’animo

In questo modo si è potuto evidenziare che ci sono regioni cerebrali in grado di individuare con anticipo gli stati d’animo che ci coinvolgono in un momento specifico, restituendoci la mappa della nostra esperienza emotiva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui