Pagamenti irregolari, 4 mesi di squalifica per il presidente Ferrero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:36

Pagamenti irregolari, 4 mesi di squalifica per il presidente Ferrero. La sanzione riguarda i lavori di ristrutturazione al centro sportivo Mugnaini di Bogliasco. Sanzioni anche per la figlia Vanessa, e per la Sampdoria.

pagamenti irregolari squalifica Ferrero
Pagamenti irregolari, 4 mesi di squalifica per il presidente Ferrero

Pagamenti irregolari, 4 mesi di squalifica per il presidente Ferrero, che coinvolge anche la figlia Vanessa, in qualità di consigliere d’amministrazione della Società di calcio. Multata anche la Sampdoria, per una somma di  15mila Euro. Questa la decisione della Federcalcio, che ha accertato delle ‘stranezze’ nei pagamenti dei lavori di ristrutturazione del centro sportivo Mugnaini, a Bogliasco.

La stessa Federcalcio, ha spiegato così la squalifica al presidente Ferrero per “…Aver, in concorso con Ferrero Vanessa e con soggetti non appartenenti all’Ordinamento federale, corrisposto alla società VICI srl, riconducibile al ‘Gruppo Ferrero’ e di cui era Amministratore Unico la Sig.ra Vanessa Ferrero, la somma complessiva di euro 1.159.000,00, a fronte di fatture per operazioni inesistenti, emesse per la presunta pianificazione e realizzazione del centro sportivo ‘Gloriano Mugnaini’ sito in Bogliasco”.

Leggi anche>> Greta canta “Bella Ciao”in una Piazza Castello vuota

Le operazioni contestate dalla Fgc sono che non sono state “mai realizzate dalla Vici Srl, così distraendo le corrispondenti risorse dall’ utilizzo nell’ interesse della U.C. Sampdoria S.p.A. e violando, tra l’altro, il principio della corretta gestione cui le società di calcio sono assoggettate; risultato ottenuto attraverso la consapevole predisposizione di un contratto fittizio con la Vici Srl, società non in possesso di requisiti tecnici e di professionalità idonee allo svolgimento dell’incarico assunto, peraltro estraneo al suo oggetto sociale”.

Le somme in questione sarebbero state poi utilizzate da Ferrero “per soddisfare interessi personali riconducibili a società del ‘Gruppo Ferrero’, del tutto avulsi da quelli della U.C. Sampdoria S.p.A.”. Insomma, un brutto affare, anche perché la stessa squalifica è stata comminata a Vanessa Ferrero, mentre la Sampdoria è stata sanzionata con una multa per responsabilità oggettiva di 15mila euro. La nota ufficiale della Figc si chiude poi spiegando che “il Presidente Federale non ha formulato osservazioni in ordine all’ accordo raggiunto dalle parti relativo all’ applicazione della sanzione di 4 (quattro) mesi di inibizione per il Sig. Massimo Ferrero, di 4 (quattro) mesi di inibizione per la Sig.ra Vanessa Ferrero”.

Pagamenti irregolari squalifica Ferrero

Pagamenti irregolari, 4 mesi di squalifica per il presidente Ferrero, convolta anche la Sampdoria, che, tramite un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito ufficiale, ha voluto chiarire la situazione tramite Gianluca Tognozzi, avvocato e consigliere d’Amministrazione della Sampdoria: “L’accordo raggiunto in sede di Giustizia Sportiva non rappresenta alcuna ammissione di responsabilità, tantomeno in ambito penale. La scelta del presidente Massimo Ferrero di patteggiare alla procura Figc è stata dettata dall’interesse esclusivo e superiore di tutelare nel massimo grado possibile U.C. Sampdoria, nonché da evidenti e connesse ragioni di opportunità che muovono, anzitutto, dalle differenti e di gran lunga superiori tempistiche della giustizia ordinaria rispetto a quella sportiva. Si tratta di fatti già noti ed è evidente che l’accordo raggiunto in sede sportiva non rappresenti alcuna ammissione di responsabilità circa i fatti contestati nel procedimento penale“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui