Muore in luna di miele, 120 milioni di euro svaniscono “Aprite la sua tomba”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:51

Gerald Cotten, chiesto e ottenuta la riesumazione del corpo. I clienti di QuadrigaCx convinti di essere stati vittima di una truffa: la sua morte è avvolta nel mistero.

Gerald Cotten
Gerald Cotten

Una vicenda che lascia perplessi e fa riflettere quella che arriva dagli Stati Uniti. La storia è quella di Gerald Cotten, 30enne nerd e genio del computer, affetto dal morbo di Crohn che poi lo ha ucciso. Il giovane è il creatore di un portale di Bitcoin exchange, QuadrigaCx, l’unico ad aver ottenuto il certificato di trasparenza dalle autorità antiriciclaggio canadesi.

Il ragazzo nativo di Halifax, in Nuova Scozia, è morto in India a soli 30 anni durante la luna di miele. Con il suo decesso si è però persa la password criptata d’accesso al portale da lui gestito, insieme a 180 milioni di dollari canadesi (circa 123 milioni di euro, ndr) che vi erano depositati grazie a una serie di cold wallet, dispositivi off-line, ancorati al suo computer.

Leggi anche —> La figlia fu uccisa 30 anni fa, ora la famiglia chiede risarcimento allo Stato

I clienti di QuadrigaCx ad un anno dalla morte, avvenuta lo scorso dicembre, ritengono di essere stati imbrogliati da Gerald Cotten e per questo hanno chiesto e ottenuto la riesumazione del corpo del giovane. Gli utenti del portale sono infatti convinti che il tycoon abbia inscenato la sua morte per prendere i soldi e goderseli in tutta serenità.

Riesumazione per il corpo di Gerald Cotten, i clienti di QuadrigaCx convinti di essere stati vittime di una truffa

Gerald Cotten

Effettivamente la morte di Gerald Cotten lascia parecchi dubbi e domande. Un’inchiesta del Globe and Mail ha provato a chiarire la lunga serie di misteri che avvolge questo caso. A partite dalla scelta del giovane di fare testamento durante il suo viaggio di nozze, guarda caso quattro giorni prima della sua morte. In una lettera Cotten lasciava tutto alla moglie Jennifer Robertson, sposata in gran fretta dopo anni di convivenza.

Nel testamento si menzionano proprietà immobiliari per 9 milioni di dollari, lo yacht, la Lexus e il Cesna. Ma non i wallet con i risparmi di 75mila clienti. La password dei wallet è stato ritrovata in una cassaforte a marzo, tre mesi dopo il decesso del nerd. Ma ovviamente sui conti non c’era più nulla: tutto svuotato il giorno in cui fu redatto il testamento.

Leggi anche —> Si schianta con l’auto in Galleria Vittoria, crolla un pilone a Napoli

Le circostante della sua morte sono un mistero

Gerald Cotten

E le stesse circostanze della morte di Cotten risultano ambigue. Il ragazzo si era diretto in India in viaggio di nozze e ne aveva approfittato per visitare i bimbi di un orfanotrofio in Andhra Pradesh, di cui erano lui e sua moglie Jennifer erano benefattori. Appena arrivati al lussuoso hotel Oberoi Rajvilas di Jaipur, Gerald si sente male e viene portato d’urgenza in ospedale, dove muore poco dopo a causa delle complicazioni del morbo di Crohn. In maniera piuttosto inusuale il cadavere dell’uomo viene riportato in hotel e da qui a un imbalsamatore privato.

E non è finita qui. Sempre Globe and Mail sottolinea Michael Patryn, co-fondatore, nel 2013 di QuadrigaCx, poi lasciata nel 2016 dopo una una lite, sia in realtà l’americano Omar Dhanani: uomo coinvolto in una serie di cyber-crimini in patria. E la stessa Jennifer, moglie di Gerald, per motivi ignoti in passato ha modificato due volte il cognome. Insomma, una serie di coincidenze che lasciano vari dubbi. Domande a cui solo la riesumazione del corpo, forse, riuscirà a dare risposte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui