Ancora proteste in India contro la Legge sull’immigrazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:49

Ancora proteste in India contro la Legge sull’ immigrazione voluta dal premier Narendra Modi: permette ai migranti non musulmani di ottenere la cittadinanza. Nell’arco di 5 giorni morte 6 persone. 

Proteste India legge immigrazione
Ancora proteste in India contro la Legge sull’immigrazione di Narendra Modi

Ancora proteste in India contro la Legge sull’ immigrazione: permette ai migranti non musulmani, provenienti da Afghanistan, Bangladesh e Pakistan, di ottenere la cittadinanza. In cinque giorni di proteste sono rimaste uccise sei persone. Domenica 15 dicembre si sono registrate varie manifestazioni nelle Università di tutto il Paese, comprese Hyderabad e Varanasi e la capitale Nuova Delhi. Quì la manifestazione di protesta è iniziata nella prestigiosa Jamia Milia Islamia.

Secondo la polizia, la protesta era diventata violenta e gli studenti si rifiutavano di disperdersi. Questo è stato il motivo che ha scatenato l’intervento dei poliziotti, che hanno lanciato lacrimogeni e fermato diversi studenti. Sono stati rilasciati poco dopo. La legge sotto accusa si chiama ‘Citizenship Amendment Bill’. Viene contestata come anti-musulmana e ha sollevato dubbi sulla sua costituzionalità. Ma sta suscitando preoccupazione, specialmente negli Stati di confine, anche per la possibilità di una grande ondata di migrazioni.

Leggi anche>> Tenta di far esplodere una bombola ed urla “io sono il prescelto”

Le proteste sono state particolarmente forti e insistenti negli Stati indiani del Nord-est, ad Assam e Tripura. Il motivo è che in India si teme che un grande numero di nuovo immigrati hindu possa, col suo arrivo, possa innescare un cambiamento sociale. Si tende a conservare infatti la composizione etnica e religiosa degli Stati indiani, già in precario equilibrio.

Il partito di governo nazionalista Bjp, sostiene che la legge è stata varata solo per proteggere chi fugge a persecuzioni religiose. Uno scopo umanitario, quindi, ma i critici affermano che faccia parte di un piano ben preciso del premier Narendra Modi. Il premier, secondo chi protesta, tenterebbe di marginalizzare i musulmani nel Paese, violando i principi laici su cui si fonda la Costituzione indiana.

proteste India legge imigrazione
proteste in India contro la legge che accoglie i profughi di guerra

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui