“Sfruttano minori nelle miniere”: famiglie congolesi e ong denunciano tech company

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:51

Baby minatori costretti a lavorare in tunnel pericolanti per 2 dollari al giorno. Alcune famiglie di bambini congolesi, insieme ad un’ong locale, hanno denunciato alcune tech company come Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla, per sfruttamento lavorativo chiedendo rimborsi

Tech company accusate di sfruttamento minorile – meteoweek

Secondo fonti Ansa, alcune famiglie congolesi hanno aperto una causa con Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla, con l’accusa di essere implicati nella morte o mutilazione di minorenni.

Questi erano obbligati a lavorare in condizioni rischiose nelle miniere di cobalto, utilizzato nella loro catena di forniture per le batterie con cui si ricaricano smartphone, Pc ed auto elettriche.

La prima volta che Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla ricevono una denuncia del genere

Lo scrive il Guardian, secondo il quale è la prima volta in cui le tech company si trovano davanti ad un’azione legale di questo genere.

Risarcimento per lavori forzati ed altri rimborsi ai bambini sfruttati

La causa è stata portata a Washington Dc da International Rights Advocates, Organizzazione non Governativa locale, per conto di 14 genitori e bimbi congolesi.

Le famiglie chiedono un risarcimento per lavori forzati ed altri rimborsi per ingiusto arricchimento, supervisione negligente, imposizione intenzionale di stress emotivo.

Le compagnie accusate di incoraggiare lo sfruttamento minorile

Nella denuncia si espone che le tech company sopracitate incoraggerebbero compagnie minerarie come la Glencore nello sfruttamento del lavoro minorile, pagando i baby minatori solo due dollari al giorno e facendoli lavorare in condizioni di alto rischio, come in dei tunnel sotterranei che molto frequentemente crollano.

leggi anche >> Dati Istat sul lavoro: 10 milioni di italiani non lavorano e sono indisponibili

leggi anche >> Lavoratori part time: più del 20% degli occupati e sei su 10 involontari

Lo sfruttamento infantile nel mondo

Nel mondo ci sono 152 milioni di bambini e ragazzi di età compresa tra i 5 e i 17 anni (la stima è di uno su dieci), che sono vittime di sfruttamento lavorativo.

Di questi, circa la metà (73 milioni), sono costretti a lavori molto duri e pericolosi, che ne mettono a grande rischio la vita e la salute, con gravi risvolti anche sul piano psicologico.

In alcune zone dell’Africa lavora un bambino su due

Quasi la metà del totale, 72 milioni si trova in Africa, con Mali, Nigeria, Guinea Bissau e Ciad che registrano le percentuali più alte di minori tra i 5 e i 17 anni, coinvolti nel lavoro sottopagato. In questi Paesi, infatti, lavora più di un bambino su 2.

Un progresso non ancora sufficiente

Nel 2000 il lavoro minorile coinvolgeva 246 milioni di bambine e bambini, 94 milioni in più rispetto a oggi: un progresso importante negli ultimi vent’anni che però non ha segnato la fine di questo sfruttamento che resta una piaga umana e sociale da sanare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui