Facebook, online i dati personali di 267 milioni di persone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:56

Ancora guai per il colosso social Facebook. Online i dati di milioni di utenti, fra numero di telefono e nome e user ID.

Ancora guai per il social network Facebook. Una società di sicurezza ha annunciato di aver individuato online un database contenente i dati personali di 267 milioni di utenti iscritti a Facebbok. Il file, inoltre, sarebbe rimasto online per ben due settimane, dal 4 al 19 dicembre e, a quanto pare, chiunque ha potuto liberamente consultarlo senza dover inserire nessuna password.

Un forum di hacker lo avrebbe anche scaricato. Il file sarebbe rimasto online fino a quando il provider che lo ospitava non ha deciso di rimuoverlo, a seguito delle segnalazioni dei ricercatori.

Leggi anche: Pedofilia nella Chiesa, record assoluto di denunce nel 2019

Leggi anche: Ex Ilva, il ministro Patuanelli autorizza i commissari alla firma

Per Compraritech, società di sicurezza, i dati potrebbero essere stati presi dalla piattaforma legata agli sviluppatori di applicazioni (API). Oppure attraverso una operazione di “scraping”, una tecnica di estrazione dei dati da un sito usando appositi software.

Fra i dati personali dell’archivio ci sarebbero stati lo “user ID” (che serve ad identificare l’utente), il nome e anche il numero di telefono.

A denunciarlo è la stessa società fondata e gestita da Mark Zuckerberg, tramite le parole – rilasciate all’agenzia France Press – di un portavoce: “Stiamo esaminando questo problema, ma crediamo che si tratti di dati molto probabilmente ottenuti prima dei cambiamenti che abbiamo apportato negli ultimi anni per proteggere meglio le informazioni delle persone”.

Dopo il caso Cambridge Analytica, che nel 2018 è stato una delle più vaste violazioni di dati (poi dirottati su una società esterna) della storia, (e che ha costretto il colosso social al pagamento di una multa di 5 miliardi di dollari), non è la prima volta che Facebook incappa in simili bufere sulla privacy: a settembre, un ricercatore aveva scoperto un database di oltre 419 milioni di dati collegati agli account dei social network.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui