Home Cronaca Uso del cellulare può causare tumore | sentenza storica della Corte d’appello

Uso del cellulare può causare tumore | sentenza storica della Corte d’appello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43
CONDIVIDI

Secondo la Corte d’Appello di Torino l’uso eccessivo del telefono può causare tumore: confermata la sentenza di primo grado del Tribunale di Ivrea, emessa nel 2017.

Uso del cellulare può causare tumore – meteoweek

La Corte d’Appello di Torino martedì, come riportano fonti Ansa, ha confermato la sentenza di primo grado del Tribunale di Ivrea sul caso sollevato da un dipendente Telecom Italia colpito da neurinoma del nervo acustico, sostenendo che effettivamente sì: l’uso prolungato del telefono può causare un tumore.

Leggi anche –> Mettere in carica il cellulare senza farsi rubare i dati. Ecco come farlo

Uno studio recente non aveva confermato questa teoria – meteoweek

Il dibattito si è subito fatto serrato anche perché l’estate scorsa un rapporto curato da Istituto Superiore di Sanità, Arpa Piemonte, Enea e Cnr-Irea aveva dato conferme sull’aumento di neoplasie legato all’uso del cellulare. Esistono però degli studi che vanno incontro alla sentenza torinese.

Leggi anche –> Imola, 40enne investe e uccide il giovane che ha rubato il cellulare del figlio

Nel 2011 alcuni ricercatori dell’Organizzazione mondiale della Sanità avevano diffuso la notizia che un uso eccessivo dei cellulari può effettivamente causare l’insorgere di forme tumorali. Una sentenza storica, comunque, quella di Torino, hanno spiegato gli avvocati Stefano Bertone e Renato Ambrosio dello studio Ambrosio&Commodo di Torino, che hanno seguito la vicenda «La nostra è una battaglia di sensibilizzazione. Manca informazione, eppure è una questione che interessa la salute dei cittadini. Basta usare il cellulare 30 minuti al giorno per 8 anni per essere a rischio». «Sulle scatole dei cellulari bisognerebbe scrivere ‘Se non usato correttamente, nuoce gravemente alla salutè. Ecco cosa servirebbe. La sentenza di oggi contribuisce all’informazione sul tema e la questione riguarda anche i bambini, che sempre più utilizzano i cellulari. Lo Stato non sta informando, anzi».
Fonte : Ansa