Simona Ventura nei guai con il fisco: avrebbe smesso di pagare il suo debito

Simona Ventura è stata accusata di evasione fiscale per un debito totale di circa 500 mila euro – accumulato tra il 2012 e il 2015-  avrebbe anche smesso di pagare.

Simona Ventura-Meteoweek.com

Simona Ventura nella bufera

Di certo i preparativi per queste nozze non procedono in maniera felice per Simona Ventura. La tensione che precede la felicità ammonta a circa 500 mila euro; sarebbe la cifra che la conduttrice italiana dovrebbe allo Stato.

“Non ha più pagato, perdendo di fatto il diritto alla rateizzazione” queste le parole di Silvia Bonardi – il pm di Milano incaricato nel processo contro la Ventura – in una nota alla agenzia delle Entrate. Il commercialista consulente della difesa – rappresentata dagli avvocati Jacopo Pensa e Federico Papa – ha spiegato : ” Simona Ventura non è stata in grado di andare avanti “ . Quest’ultimo ha parlato poi di un accertamento cattivo da parte della Guardia di Finanza.

Simona Ventura tasse-Meteoweek,com

Dichiarazione infedele dei redditi

Secondo le indagini scaturite dal’inchiesta , tra il 2012 e il 2015, la Ventura avrebbe fatto confluire parte dei ricavi e dei costi a una società, la Ventidue srl.

Sulla società in questione sarebbero state scaricate spese di qualunque genere come, per esempio, i 420 euro per un’ attaccatura extension , gli acquisti per una festa di compleanno, bouquet di fiori, t-shirt, cibo e quant’altro. L’Agenzia delle Entrate dichiara che le somme addebitate dovevano essere caricate e registrate nella dichiarazione personale dei redditi delle Ventura; come persona fisica. Da qui nasce l’accusa di dichiarazione infedele dei redditi.

La dichiarazione infedele riguarderebbe soprattutto una serie di contratti firmati perlopiù con emittenti televisive per lo sfruttamento dei diritti d’immagine. Contratti ‘doppi’ dove una porzione del compenso veniva direttamente pagata all’artista e l’altra parte veniva addebitata a società cui il personaggio era riconducibile. ” E’ normale che una società che si occupa di diritti d’immagine abbia questo tipo di costi “,  è la testimonianza di un’ altra commercialista .

LEGGI ANCHE ——-> Niccolò, il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini è perfetto, fotocopia del papà

https://www.instagram.com/p/B7HDK82oL1Z/

Simona Ventura aveva comunque dato l’ok ad un ‘accertamento con adesione‘ dell’ Agenzia delle Entrate e attraverso un piano di rateizzazione aveva cominciato a saldare il debito. Poi però, l’Agenzia delle Entrate , lo scorso 16 ottobre ha depositato una nota al giudice Sandro Saba, spiegando alla Procura che la conduttrice italiana – che tra poco convolerà a nozze con il giornalista Giovanni Terzi – non era più in grado di pagare. Non ci resta che attendere l’udienza del prossimo 18 marzo, dove verrà ascoltata una collaboratrice di Simona e poi infine il 13 maggio, per l’udienza finale delle parti.