Su WhatsApp è arrivato il dark mode: è nella versione beta per Android

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:59

Il dark mode sbarca anche su Whatsapp. La nuova modalità scura è attivabile con l’ultima versione beta di Android, ma attenzione se non si ha dimestichezza. Per la versione iPhone ancora un po’ di tempo.

Arrivata la dark mode di WhatsApp sulla versione beta di Android – meteoweek

Su WhatsApp arriva il dark mode, modalità a sfondo scuro che aiuta a riposare gli occhi consumando meno la batteria. Questo nuovo tema converte l’interfaccia in toni più scuri: le parti bianche diventano grigio scuro, le tonalità verdi si fanno più cupe ed i testi e le lettere della tastiera virtuale diventano grigio chiaro su fondo color canna di fucile.

Le versioni ufficiali nei prossimi giorni

Le prime avvisaglie sul fatto che questa modalità fosse disponibile anche per WhatsApp, erano già state individuate tempo fa da alcuni appassionati che l’avevano scovata nel codice delle versioni beta precedenti.

Adesso questa versione è disponibile nell’ultima versione beta di Android che tutti possono scaricare, prima che sia distribuita definitivamente sulle versioni ufficiali dell’app nei prossimi giorni. La novità è stata annunciata da indiscrezioni di WABetaInfo, il profilo Twitter che segue lo sviluppo della chat.

leggi anche >> Novità su WhatsApp per il 2020: ecco tutto quello che c’è da sapere

leggi anche >> WhatsApp, modalità scura: quando arriva e le ultime novità

Come scaricare l’ultima versione con il dark mode

Per chi volesse provare nell’immediato questa nuova feature, occorre scaricare la versione beta 2.20.13 dell’app. Ciò è possibile da APK Mirror, sempre che non si è già utente del programma beta di Whatsapp.

Prima di provarla però attenzione: il procedimento è indicato solo per utenti esperti, inoltre la versione beta non è stabile come lo è una versione definitiva e funge da aggiornamento preliminare volto a individuare eventuali bug del sistema.

In sintesi, evitare di scaricarla se non si sa cosa sia un “APK” e se non si abbia dimestichezza con le “applicazioni beta”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui