Santo e Onomastico del giorno. Il 30 gennaio si festeggia Santa Martina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:14

Santo e Onomastico del giorno. Il 30 gennaio si festeggia un nome molto comune in Italia: Martina. Il nome deriva dal latino e significa dedicato a Marte.

Nelle rappresentazioni sacre Santa Martina è raffigurata mentre tiene un giglio in mano. Il suo martirologio romano recita: «A Roma, commemorazione di santa Martina, sotto il cui titolo il papa Dono dedicò una basilica nel foro romano». Martina discendeva da una celebre famiglia consolare. Rimasta orfana in tenera età, si dedicò con tutta la sua anima  alle opere della cristiana pietà, distribuendo le ricchezze che i suoi le avevano lasciato in grande abbondanza, a tutti i poveri della città. Siccome la carità era sconosciuta nel mondo pagano, ben presto si sospettò che Martina fosse cristiana e venne denunciata e condotta davanti al giudice romano. Fu tentata in mille modi, le furono fatte promesse e minacce affinché facesse sacrifici agli dei dell’impero, ma Martina rispose sempre con fermezza che «era cristiana» e che come tale si sarebbe sempre comportata.

Leggi anche -> Sanremo 2020, i Papaboys saliranno sul palco dell’Ariston

Il giudice la fece picchiare, scarnificare con uncini di ferro e infine la fece gettare alle belve. Le bestie però la risparmiarono. Allora si decise di bruciarla viva, ma una volta che le fiamme del rogo si spensero, tutti videro Martina completamente illesa. Il giudice a questo punto ordinò che fosse decapitata. Santa Martina così morì presso il X miglio della via Ostiense, dove fu eretta una chiesa poi scomparsa. Il culto di Santa Martina. Le prime notizie storiche su Santa Martina risalgono al VI secolo, quando papa Onorio I le dedicò una chiesa nei pressi del Foro Romano. La sua festa fu fissata al 30 gennaio da papa Urbano VIII, che ne fece anche una delle patrone della città di Roma.