Non sono bastati 29 anni per dimenticare: Cecchin porta in tribunale i parroci

Si sono rivolti direttamente al Santo Padre i docenti vittime di abusi da parte di uomini di chiesa. Gianbruno Cecchin ha denunciato i presunti abusi subiti al seminario vescovile in una lettera a papa Francesco. “Io ancora minacciato da chi ha abusato di me”.

 

La storia terribile arriva dal trevigiano, dove l’ex assessore assessore di Galliera Veneta, ha dato mandato ai suoi legali di depositare in Procura a Treviso una querela contro due sacerdoti, all’epoca dei fatti responsabile della Comunità Vocazionale e il suo assistente, ora parroci.

I fatti

Cecchin ha denunciato pubblicamente abusi sessuali che sostiene di aver subito quando frequentava il seminario vescovile della diocesi della Marca, come riporta la Tribuna di Treviso.

Leggi anche -> Papa Francesco ribadisce: “Niente apertura ai preti sposati”

Il docente ha descritto i traumi conseguenti agli abusi sessuali in una lettera recapitata al vescovo di Treviso, monsignor Michele Tomasi, e per conoscenza a papa Francesco, al presidente della Cei cardinal Gualtiero Bassetti, al prefetto della Congregazione per il clero, cardinal Beniamino Stella, e ai due vescovi emeriti di Treviso, monsignor Gianfranco Agostino Gardin e monsignor Paolo Magnani. A spingerlo alla denuncia il recente summit in Vaticano sul tema della pedofilia.

Un ricordo indelebile

“Nonostante i 29 anni trascorsi, questi preti che hanno abusato sessualmente di me mi scrivono e o mi fanno arrivare messaggi da uomini della Curia: ‘Se parli sei morto'”, ha dichiarato Cecchin alla Tribuna raccontando di aver preso la difficile decisione di denunciare le violenze grazie al sostegno del suo attuale compagno, al quale è legato da unione civile.

Leggi anche -> Papa Francesco: “La Chiesa non può chiudersi davanti a violenza e ingiustizia”

Tra gli episodi ricordati nella lettera, una fuga dal seminario per cercare aiuto all’episcopio parlando con l’allora vicario generale, monsignor Angelo Daniel, oggi vescovo emerito di Chioggia, nel marzo 1991, poi rapporti sessuali, costrizioni, vessazioni psicologiche e minacce. La Diocesi di Treviso conferma la circostanza, e di aver fissato un appuntamento a Cecchin con monsignor Tomasi la prossima settimana, che però l’ex seminarista ha declinato.