Coronavirus, 36 nuovi casi a Pechino: altissima densità di infezione

Coronavirus, 36 nuovi casi al centro di Pechino, dove la densità di infezione è la più alta dopo Wuhan. E intanto il virus continua a diffondersi anche in Corea del Sud. 

Coronavirus
Coronavirus (GettyImages)

Sono stati registrati 36 nuovi casi di Coronavirus in un ospedale del centro di Pechino. Si tratta di un aumento considerevole dopo i 9 registratisi negli ultimi 15 giorni. Il timore è di una possibile esplosione del virus nella capitale. I pazienti infetti sarebbero 8 membri dello staff medico, 9 addetti alle pulizie e 19 pazienti del Fuxing Hospital. Il distretto risulta essere secondo solo a Wuhan per densità di infezione, ossia per via del numero di casi confermati per chilometro quadrato. Altri 3 casi sono stati segnalati al Peking University People’s Hospital, a Xicheng.

Leggi anche->Coronavirus, il premier Conte: “Siamo al livello di massima precauzione”

Coronavirus, 19 nuovi ospedali “temporanei” a Wuhan in procinto di aprire.

Il governo cinese ha annunciato la prossima apertura di 19 nuovi ospedali “provvisori” a Wuhan, focolaio del virus. Una volta completati, saranno disponibili 30mila nuovi posti letto. L’apertura è prevista per martedì 25 febbraio 2020. Finora in Cina sono stati registrati 2.200 morti, e nelle ultime 24 ore il numero complessivo dei casi è aumentato a 75.465 sulla terraferma con 118 vittime. Nel frattempo, il vice ministro della Scienza e della Tecnologia cinese, Xu Nanping ha stimato che l’avvio dei primi test clinici per un vaccino potrebbe verificarsi nel mese di aprile.

Coronavirus
Coronavirus (GettyImages)

512 casi di Coronavirus sono stati confermati in 4 carceri cinesi, due delle quali situate nell’Hubei, epicentro del contagio. E intanto in Cina è morto Peng Yinhua, medico di un ospedale di Wuhan contagiato mentre svolgeva il suo lavoro. L’uomo, a gennaio, aveva rinviato le nozze per restare al fianco dei suoi colleghi nella dura battaglia contro il Covid-19. L’epidemia di Coronavirus sta creando grandi disagi in Cina dove è stato rimandato uno dei forum economici più importanti dell’Asia, il Boao Forum. L’evento era previsto per il mese di marzo sull’isola di Hainan. Guai anche per la Corea del Sud dove sono stati registrati due decessi in 2 giorni. La vittima è una donna cinquantenne che era stata ricoverata all’ospedale di Busan. Nel Paese i casi di contagio sono saliti a 204.

Leggi anche->Tensione e paura nell’ospedale di Codogno, interrotte tutte le attività

Diamond Princess, iniziato sbarco passeggeri

Novità anche per quanto riguarda i passeggeri della Diamond Princess, la nave da crociera bloccata sulle coste del Giappone, a Yokohama.
Ha avuto infatti inizio lo sbarco di 450 passeggeri negativi al test sul Covid-19. È prevista per oggi, venerdì 21 febbraio, la partenza del volo che riporterà in Italia una ventina di connazionali.

Coronavirus
Coronavirus (GettyImages)

C’è grande tensione anche in Ucraina per via del Covid-19. Alcuni pullman che trasportavano 70 persone rimpatriate dalla Cina sono stati attaccati dagli abitanti del villaggio di Novi Sanzhary (luogo scelto per la quarantena) che intendevano bloccare i mezzi per paura del contagio. Hanno infatti lanciato sassi contro i finestrini, creato blocchi stradali, bruciato pneumatici e avuto scontri con i poliziotti. Sono state fermate oltre 10 persone. Il presidente Volodymyr Zelensky ha cercato di rassicurare gli abitanti che non corrono alcun pericolo. L’aereo atterrato da Wuhan trasportava 45 ucraini e 27 stranieri. Tra di loro, cittadini provenienti da Bielorussia, Kaazakistan, Argentina, Ecuador, Costa Rica, Repubblica Dominicana, Panama ecc.

Leggi anche->Coronavirus, quella mail per mettere a tacere i medici