Coronavirus: ufficializzato un secondo caso di positività nel milanese

Si tratta di un abitante di Mediglia che era già ricoverato a Melegnano ed è stato trasferito al reparto infettivi del Sacco di Milano.

seconda vittima italiana coronavirus

A distanza di nemmeno due ore dalla notizia del primo contagiato in provincia di Milano, un uomo di 78 anni residente a Sesto San Giovanni ricoverato al San Raffaele, l’unità di crisi della Regione Lombardia conferma la notizia di una seconda positività.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, arriva il primo contagiato anche a Milano: è ricoverato al San Raffaele

L’allarme è a sud-est

Si tratta di un uomo residente a Mediglia, piccolo alla periferia a sud-est di Milano. Mediglia è collegata al capoluogo lombardo con numerosi mezzi pubblici: ospita circa 12.000 persone che quotidianamente si recano per lavorare nel vicino centro metropolitano. Le notizie su questo secondo contagio sono per il momento ancora scarne: si parla di un uomo che si sarebbe sentito male alcuni giorni fa e che risultava già ricoverato all’ospedale di Melegnano per una forma influenzale con complicazioni respiratorie e polmonari.

Trasferimento al Sacco

Oggi, dopo l’esito dei primi campioni, è arrivata la conferma che il paziente risulta positivo al COVID 19. I dirigenti dell’ospedale di Melegnano hanno subito attuato i protocolli d’emergenza disposti dall’assessorato regionale alla sanità. Chiusi i reparti e il pronto soccorso mentre un’ambulanza speciale per il contenimento del rischio batteriologico, trasferiva il malato all’Ospedale Sacco di Milano.

Condizioni sotto controllo

Le sue condizioni non sono gravissime contrariamente al caso del cosiddetto paziente uno, il 38enne di Castiglione che non poteva essere trasferito e che è rimasto ricoverato all’ospedale di Codogno. Anche il comune di Mediglia esattamente come quelli di Lodi, Codogno, Casalpusterlengo e numerosi altri  centri del piacentino, ha sospeso tutti gli eventi aggregativi disponendo anche la chiusura dei luoghi ad alta densità e la sospensione degli eventi sportivi, una precauzione che il primo cittadino del piccolo comune, per la verità, aveva ratificato già da ieri, prima che il caso di questa positività, venisse confermato.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, 60 infetti in poche ore: come evitare il contagio

L’ospedale di Codogno ospitando il Paziente Uno – meteoweek.com

Un altro caso

Il reparto infettivo dell’ospedale milanese Sacco si conferma dunque il primo baluardo contro il contagio. Dopo le due vittime, una registrata ieri e una oggi, post mortem dopo la positività del tampone, il bilancio di contagiati si estende e aumenta di ora in ora.