Emergenza coronavirus: da lunedì chiudono anche gli ambulatori

«Abbiamo bloccato le attività ambulatoriali da lunedì prossimo, ma ormai da 10 giorni abbiamo ridotto al lumicino le attività chirurgiche programmate». Lo ha detto l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera.

L’assessore al welfare della regione Lombardia, Giulio Gallera,  riferisce una notizia importante durante la trasmissione della Rai Uno mattina. “stop alle attività ambulatoriali, stiamo recuperando nelle sale operatorie nuovi posti di terapia intensiva, proprio perché nel giro di pochi giorni i pazienti che sono in terapia intensiva sono aumentati a dismisura: se giovedì scorso eravamo a 50 ora siamo a 244″, è una corsa contro il tempo – ha aggiunto – che facciamo quotidianamente a dedicare posti di terapia intensiva ai pazienti coronavirus. Ne abbiamo già aperti 150″. 

Leggi anche -> Coronavirus ad Arezzo: maestra contagiata e 112 alunni in quarantena

“Nei prossimi dieci giorni – ha detto Gallera – assumeremo 315 infermieri, ringrazio i rettori, perché abbiamo anticipato le sessioni di laurea degli infermieri e da qui ai prossimi dieci giorni assumeremo quelli si stanno laureando –ha spiegato. Noi avremmo voluto assumerli in un altro momento, non in una situazione di emergenza enorme come questa. Stiamo provando a correre a i ripari. Abbiamo chiesto e ottenuto norme molto flessibili, di poter richiamare anche il personale in quiescenza al lavoro, assumere con grande velocità – ha concluso.

Poi Gallera ha parlato delle zone rosse e dell’eventualità che ne possano nascere altre: “Sabato ci confronteremo con il Governo e poi capiremo riguardo Codogno, dove si è sviluppato il focolaio lombardo di coronavirus: bisognerà capire se sarà riaperta da lunedì – ha continuato Gallera – Noi stiamo aspettando di valutare i dati, se ci evidenziano una riduzione della crescita in quell’area o magari una riduzione dei casi, un picco che scende. Lo faremo sabato, ci confronteremo con il Governo e poi capiremo”.