Giorgia Meloni sul Coronavirus: “Pessima gestione. Borse chiuse”

Il leader di Fratelli d’Italia paventa anche la possibilità di chiudere i mercati azionari di Milano. “Non scateniamo il panico tra gli investitori”, scrive Giorgia Meloni su Facebook.

giorgia-meloni

Arrivano le prime reazioni da parte dei principali esponenti delle forze politiche, alle nuove misure di sicurezza in tema Coronavirus. È divenuto ufficiale il provvedimento annunciato nelle scorse ore dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. In questa nuova misura la zona rossa è stata estesa a tutta la Lombardia, alla quale si aggiungono le province di Alessandria, Asti e Pesaro-Urbino. Ma a quanto pare, non tutti sono soddisfatti per il modo in cui tutto è stato gestito. In primis vengono fuori le parole di Giorgia Meloni.

La leader di Fratelli d’Italia ha reso noto il proprio pensiero attraverso un lungo post su Facebook. Qui la Meloni sottolinea, oltre agli errori nella gestione del caso, la propria rimostranza per le recenti restrizioni del Governo. “Il decreto Coronavirus è stato gestito malissimo. Dopo aver scatenato il panico tra i cittadini evitiamo di scatenare il panico pure tra gli investitori. Il Governo ora adotti tutti i provvedimenti possibili per impedire che la speculazione finanziaria metta in ginocchio la Nazione. Valuti se sospendere le contrattazioni di borsa per dare modo di metabolizzare gli ultimi provvedimenti e frenare i comportamenti più irrazionali“.

 

Al centro dei pensieri della Meloni c’è anche la gestione dell’economia e della sostenibilità delle aziende. Bisogna monitorare e tutelare i venditori e gli impiegati per evitare il tracollo, come dichiara la leader di FdI. “Di certo vanno vietate in questa fase le vendite allo scoperto, ossia lo strumento con cui pochi cinici e razionali speculatori possono fare fortuna sulla legittima irrazionalità dei piccoli investitori. Inoltre gli organismi di vigilanza e l’intelligence, ognuno per le proprie competenze, siano attivati immediatamente per monitorare le principali operazioni e scongiurare azioni che possano pregiudicare gli interessi strategici nazionali“.

Giorgia Meloni chiude il suo pensiero con un monito. Da una parte c’è la necessità di tenere a bada il contagio del Coronavirus. Ma d’altro canto non bisogna allarmare troppo i cittadini italiani, già alle prese con una serie di problemi. “Il contagio del virus va giustamente contenuto, ma va fermato anche il contagio della paura e della speculazione“.