Fast & Furious 7 | Vin Diesel pensa che il film meritasse un Oscar

L’attore Vin Diesel protagonista del franchise Fast & Furious continua a essere fermamente convinto che quel film avrebbe meritato un Premio Oscar.

Nessuno è mai abituato o pensa di saper reagire alla morte improvvisa di un proprio familiare o amico. Non c’è distinzione tra chi è famoso e chi non lo è, di fronte alla morte siamo tutti uguali e tutti abbiamo dei modi esclusivi con i quali affrontare e metabolizzare il lutto. Nel caso specifico, l’attore Vin Diesel durante le riprese del film Fast & Furious 7 ha dovuto fare i conti con la scomparsa improvvisa e prematura dell’amico e collega del franchise incentrato sulle corse con le automobile, Paul Walker. 

Diesel ormai giunto al decimo film sempre nei panni di Dominic Toretto, nonostante siano trascorsi 5 anni dall’uscita nei cinema di questo film resta fermamente convinto che all’epoca avrebbe meritato un Premio Oscar.

Il dolore di Vin Diesel

“Ero così riluttante a tornare alle riprese. Mi sembrava solo che lo studio mi stesse chiedendo di tornare a un funerale, e stavo così male. Ma non volevo che nessuno usasse la tragedia come spunto per la trama. È stato molto importante per me… È stato un momento molto, molto difficile. Poi il produttore un giorno è venuto e ha detto:”Bene, ora vendicherai il suo personaggio” e lo useremo come trama per fare qualcosa che sia bello e di classe. Potrebbe essere il momento migliore nella storia del cinema – non solo nella mia carriera ma nella storia del cinema. Agli uomini di tutto il mondo è permesso di piangere, ma per la prima volta nella storia, siamo stati in grado di piangere insieme ”.

Leggi anche: Coronavirus | a rischio anche l’uscita di Vedova Nera e Fast & Furious?

Leggi anche: Fast & Furious | le scene più iconiche della saga cinematografica

La sinossi di Fast & Furios 7

Deckard Shaw, fratello di Owen ridotto in fin di vita da Dominic Toretto e dalla sua banda, è pronto a scatenare la sua sete di vendetta, avvalendosi delle tecniche di guerra apprese lavorando per i servizi segreti britannici. La situazione sembra disperata finché la CIA non si offre di aiutare l’uomo ed i suoi, a condizione che questi recuperino Ramsey.
Leggi altre notizie di cinema: Clicca Qui

La tragica scomparsa di Paul Walker

Le riprese del film iniziate nel settembre del 2013 continuarono fino a novembre tra il Colorando e Atlanta, fino a giungere negli Emirati Arabi, precisamente a Dubai. La prematura e improvvisa scomparsa di Paul Walker, avvenuta il 30 novembre, costrinse la Universal a fermare le riprese per un periodo per diversi motivi. Il primo lo shock che colpì il resto del cast e in seconda battuta per ideare un modo per giustificare l’uscita di scena dell’attore. Solo ad aprile, gli attori tornarono sul set, per completare le riprese a luglio. Per sopperire alla mancanza di Walker, i due fratelli Cody e Caleb decisero di accettare l’offerta di sostituirlo sul set per plasmare la sua voce sui loro volti nella fase di post produzione.