Coronavirus: rientrano 1100 studenti italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:52

In corso il programma di riportare in Italia tutti gli studenti all’estero con Intercultura: ad oggi ne sono rientrati 1100.

Coronavirus: rientrano 1100 studenti italiani – meteoweek

700 erano già rientrati nei giorni scorsi: oggi arriviamo a quota 1100. Tornano in un Paese piegato dalla pandemia, nelle piazze deserte, dagli affetti che li aspettano. Un volo che li riporta a casa da ogni parte del mondo: Argentina, Belgio, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Ghana, Giappone, India, Hong Kong, Malesia, Messico, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Dominicana, Repubblica Slovacca, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera, Repubblica del Sudafrica, Thailandia, Tunisia, Turchia e gruppi parziali di studenti da Stati Uniti, Irlanda e Filippine. Oggi è previsto il rientro di 29 studenti dall’Ungheria, 8 dall’Irlanda, 3 dalle Filippine, 2 dall’Islanda, oltre ai circa 200 dagli Stati Uniti.

“Uno sforzo immenso” ha detto Intercultura – meteoweek

Andrea Franzoi, segretario generale di Intercultura ha detto: “Si tratta di uno sforzo organizzativo ed economico enorme che la nostra Associazione sta mettendo in campo e che non avrà fine fino a quando non saremo riusciti a fare rientrare tutti i ragazzi in Italia. Dove possibile, Intercultura è intervenuta acquistando nuovi biglietti aerei e organizzando nuovi itinerari di rientro, facendosi carico di tutti i costi aggiuntivi. Per l’organizzazione dei viaggi abbiamo potuto contare anche sulla preziosissima collaborazione dell’Unità di Crisi della Farnesina e sulla rete delle Ambasciate e dei Consolati italiani all’estero che stanno svolgendo un lavoro eccellente“.

Leggi anche –> Coronavirus: un milione di ricoveri rimandati
Abbiamo ancora circa 200 studenti che dobbiamo riportare a casa, da Bolivia, Brasile, Cile, Honduras, Nuova Zelanda, Paraguay, Perù, Uruguay. Per la maggior parte di loro abbiamo già trovato un itinerario di volo per il rientro. In alcuni Paesi ci sono situazioni complicate da risolvere, a causa della chiusura degli spazi aerei che rende impossibile l’organizzazione di qualunque tipo di volo, ma siamo in contatto quotidiano con il ministero degli Esteri e i nostri Ambasciatori, che lavorano senza sosta nel cercare di mettere in sicurezza i cittadini italiani all’estero, e auspichiamo che si possa trovare presto una soluzione“.