Cina, bile di orso contro il Covid-19: boom di polemiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:10

In Cina approvato un farmaco per combattere il coronavirus: è a base di bile di orso; gli animalisti insorgono scatenando la polemica.

Cina, bile di orso contro il Covid-19: boom di polemiche – meteoweek

Leggi anche –> Coronavirus, Roma: navi da crociera con turisti infetti senza controlli

Arrivata l’approvazione del Governo Cinese: raccomandato l’uso di Tan Re Qing, un farmaco contenente bile d’orso, come cura per trattare i casi gravi e critici di coronavirus. È uno dei numerosi trattamenti della Medicina tradizionale cinese inseriti in un elenco pubblicato dalla China Health Commission, l’ente governativo responsabile della politica sanitaria nazionale. Gli animalisti si rivoltano contro questa promozione nell’uso di componenti animali.

La bile di orso contiene grosse quantità di acido ursodesossicolico (UDCA) – meteoweek

Leggi anche –> Coronavirus, Matteo Renzi: “Bisogna pensare alla riapertura”

Non è la prima volta che si parla di bile di orso nella medicina cinese: molto apprezzata perché contiene grosse quantità di acido ursodesossicolico (UDCA). Fino agli anni ’80 la bile è stata prelevata dagli animali cacciati allo stato brado e uccisi. Ecco perché gli animalisti insorgono.  Il Tan Re Qing viene usato per trattare la bronchite e le infezioni delle vie respiratorie superiori anche se non esistono prove che sia veramente efficace contro il Covid-19.