Il Coronavirus cancella il Salone dell’auto di Detroit: al suo posto un ospedale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:39

Uno degli appuntamenti storici tra le fiere mondiali, viene cancellato: un danno enorme per tutta l’industria dell’auto. Al posto dei padiglioni espositivi un ospedale.

Un’immagine del salone di Detroit dello scorso anno

Detroit si prepara

Anche la capitale dell’auto americana, Detroit – Michigan – una delle città più importanti degli Stati Uniti perché da oltre un secolo traina tutta l’industria automobilistica americana, decide di fare i conti con il coronavirus e cancella il suo salone dell’auto. Che la fiera, la più importante del mondo nel settore, forse la più importante del mondo in senso assoluto, in programma a giugno non ci sarebbe stata era già dato per scontato da almeno due settimane anche se Detroit in questo momento non risulta tra le città più colpite del paese.

LEGGI ANCHE > Londra: “Sarà un bene se resteremo sotto i 20mila morti”

LEGGI ANCHE > Coronavirus, niente quarantena a New York

La Fiera delle fiere

Il NAIAS, Salone Internazionale dell’Auto di Detroit (NAIAS), si tiene ogni anno presso il polo espositivo del

Cobo Center (il TCF), 93mila quadrati di esposizione coperti e circa 200mila metri quadrati esterni dedicati a incontri pubblici, concerti, spettacoli, eventi sportivi. Centinaia di migliaia di persone arrivano a Detroit da ogni parte del mondo: l’inaugurazione era in programma il 6 giugno. Cinque giorni per gli addetti ai lavori e poi due intere settimane aperte al pubblico.

Sacrificio necessario

Mentre si faceva sempre più concreta la voce che il NAIAS non ci sarebbe stato, Detroit si preparava a un piano di contenimento dei danni in vista del previsto picco del coronavirus: la città è una delle più problematiche d’America. A dispetto della sua fortissima identità industriale, Detroit ospita sacche di grandissima povertà che hanno coinvolto a più riprese interi quartieri a causa delle crisi del settore auto e di recessioni internazionali… L’area metropolitana di Detroit ospita oltre sei milioni di persone. Una della grandi emergenze della città è la violentissima guerra tra le bande cittadine che fa ogni anno decine di morti.

LEGGI ANCHE > Cancellato anche a Milano il Salone del Mobile

LEGGI ANCHE > Da ieri l’Italia ha superato la quota di 10mila morti

Al posto del Salone un ospedale

IL TCF Center è già impegnato da una serie di lavori per allestire un ospedale da campo che diventerà probabilmente il più grande ospedale del paese, oltre tremila posti letto e cinquecento unità d’emergenza. La notizia è stata data alla stampa dal direttore del NAIAS, Rod Alberts che  ha già dato appuntamento a espositori e visitatori al giugno dell’anno prossimo: “La salute e il benessere dei cittadini di Detroit e del Michigan sono di primaria importanza. Il TCF Center è il luogo ideale per impiantare l’ospedale da campo, in questo momento critico e senza precedenti”. Al momento i funzionari del Salone e le associazioni industriali dell’auto non hanno commentato la notizia. L’annullamento del salone rischia di costare parecchi punti di PIL all’esportazione americana delle auto e del loro indotto. Il Salone, da qualche anno, era in difficoltà: gli organizzatori avevano già deciso di spostare la Fiera a giugno per avere più pubblico e meno concorrenza da alti saloni e dalla vendita on line. Lo scorso anno i visitatori erano stati circa 800mila.