Inps, troppe richieste per i 600 euro: il sito va in down

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:04

Il portale dell’Inps è risultato inaccessibile in più occasioni dall’inizio della giornata. Oggi era il primo giorno per le richieste del sussidio agli autonomi.

sito inps

Quella di oggi è una giornata importante per una fetta di lavoratori italiani. Nella giornata odierna, infatti, è previsto l’inizio della presentazione delle richieste per l’erogazione del bonus da 600 euro mensili. Ovviamente, le richieste che vengono presentate oggi riguardano il mese di marzo che sta per finire. La prassi prevede la registrazione, l’autenticazione e la presentazione di un modulo da compilare online e da inserire attraverso il portale dell’Inps. Ma come ci si poteva in parte aspettare, non stanno mancando i problemi.

In più di un’occasione, infatti, il sito dell’Inps ha avuto dei momenti di blackout. Tanto che non sono mancati i disservizi per gli utenti che volevano presentare la regolare richiesta entro i tempi stabiliti. Il problema è legato soprattutto alla folta presenza di persone in contemporanea tra le pagine del portale dell’istituto di previdenza nazionale. Più di una volta da quando è stata aperta la presentazione delle richieste, è apparso su tutte le pagine del sito dell’Inps la frase “server too busy” (“il server è troppo impegnato“) su pagina bianca.

Leggi anche -> Coronabond, il portavoce Mamer: “Spaccatura tra Paesi membri, ci sono problemi”

Leggi anche -> Coronavirus. Brusaferro indica protezioni per medici e infermieri. Dove sono?

Partono i conteggi per i titolari di Partita Iva – meteoweek.com

E non sono mancate le reazioni sul web, in particolare sui social network, di fronte alle difficoltà nell’aprire e consultare le pagine del sito Inps. “Da stamattina il sito è inaccessibile. Molto bene. Lo sanno lor signori che il 1 Aprile non è un click day, vero?“, scrive un utente. “Prevedibile: sito INPS giù nel giorno in cui le Partite IVA possono richiedere il sussidio una tantum previsto dal decreto Cura Italia“, si legge su un altro post. Dunque, chi ha un po’ di dimestichezza con le richieste online, un po’ si aspettava questo genere di problemi.

Ricordiamo che è semplice, per i lavoratori autonomi, i lavoratori agricoli, del turismo e dello spettacolo e per le partite Iva, fare richiesta del bonus mensile da 600 euro. È sufficiente accedere al portale Inps (e sperare che sia funzionante) con il proprio PIN e il codice fiscale. Dopodichè si accedere alla propria area personale e procedere attraverso la sezione “Accesso servizi online“. In seguito nella barra di ricerca bisognerà selezionare “Domande per prestazioni al sostegno del reddito” e infine cliccare su “Indennità COVID-19“. E il gioco sarà fatto, per quelli che ci riusciranno.