Home Cronaca Maltempo: tromba d’aria tra Fregene e Fiumicino, vicino Roma

Maltempo: tromba d’aria tra Fregene e Fiumicino, vicino Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:20
CONDIVIDI

Tromba d’aria tra Fregene e Fiumicino, sul litorale a sud di Roma. Il fenomeno atmosferico
era visibile poco fa a circa due chilometri dal casello di Maccarese-Fregene.

Ombrelloni in larghissima parte chiusi. Debutto in sordina, per il momento, per la stagione balneare sul litorale romano, tra Ostia, Fiumicino e Fregene, complici il meteo incerto ed il vento che hanno tenuto lontani i bagnanti, romani e non. Poche presenze negli stabilimenti e sulle spiagge libere, qualche canoa, barca da diporto e surf in acqua. I veri banchi di prova, anche per testare afflussi, accessi, disposizioni di distanziamento ed anti assembramento, arriveranno più avanti, con il bel tempo ed i weekend di giugno, con tutta probabilità.

(Photo by JOSE JORDAN / AFP) (Photo by JOSE JORDAN/AFP via Getty Images)

Meteo non favorevole; Balneari: ‘Comunque fiducia, ci proviamo’

Sui 23 chilometri di costa del comune di Fiumicino, 11 dei quali di spiagge libere, da Isola Sacra a Passoscuro, passando per Fregene e Maccarese, (“che hanno necessità di ulteriori vagliature per una pulizia migliore, di bagni e cestini”, spiegano dei residenti), il dispositivo messo a punto dall’amministrazione comunale ha visto subito schierato questa mattina larga parte dei 100 volontari, con pettorine colorate, per controllare i varchi d’accesso, oltre all’ausilio di due moto d’acqua, un quad ed un drone, soprattutto nei tratti di arenili liberi più lunghi, come a Passoscuro, Focene. Pattuglie della Capitaneria di Porto in campo sia sugli arenili che sui lungomare, oltre ai mezzi in mare. Nelle oltre 100 attività, tra stabilimenti e chioschi attrezzati, i preparativi, per il distanziamento, le nuove misure e gli avvisi anti covid, le sanificazioni continue (“Quello delle sanificazioni e pulizie di ambienti, tavoli, piscina, ecc. rappresenta tanto lavoro in più, abbiamo dovuto mettere più personale dedicato”, spiega un balneare) sono pressoché ultimati: mediamente, le disposizioni anti contagio hanno fatto perdere tra il 20 ed il 40 per cento di postazioni di ombrelloni ma c’è “comunque fiducia, soprattutto grazie alle prenotazioni finora delle famiglie ed agli abbonati: con un po’ di accortezza, buon senso e rispetto delle regole, ce la possiamo fare a dare un tono positivo alla stagione. Da noi lo spazio a disposizione per le postazioni è di circa 14 metri quadrati a fronte dei 10 previsti”, riferisce una titolare di stabilimento. Non tutte le attività hanno scelto il sistema delle prenotazioni: alcune hanno optato sulla regolazione degli accessi fino ad esaurimento posti. Altri, sui giornalieri, tramite prenotazioni online o via whatsapp. Per il litorale Fiumicino, per il momento (il sindaco Esterino Montino la sta valutando), non ci sono app a disposizione e neanche paline, sulle spiagge libere, che indichino dove stazionare . Sulle spiagge di Ostia (X Municipio), invece, debutto da oggi per la “Seapass – Il Mare di Roma”, la app per cellulari e tablet che il Campidoglio ha messo in campo per informare in tempo reale i cittadini sullo stato di ricettività delle spiagge ed evitare assembramenti. Installate poi paline in legno colorate in bianco e rosso ad indicare lo spazio disponibile di 25 mq che potrà contenere al massimo 6 persone