Proteste George Floyd: agente aggredisce una ventenne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:13

Sempre più tesa la situazione negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd, morto in seguito ad un violento fermo di un agente di polizia.

Sta facendo il giro del mondo il video in cui un agente di polizia spintona e getta a terra in modo violento Dounya Zayer, una ragazza di 20 anni che stava partecipando alle proteste per l’omicidio di George Floyd, che ormai si stanno svolgendo in tutti gli Stati Uniti.  L’episodio è avvenuto a New York durante una manifestazione che si è svolta a Brooklyn. Il video immortala un agente che getta a terra con violenza una ragazza, offendendola: “Stupida puttana”, si sente chiaramente.

LEGGI ANCHE -> Avvelena il figlio di 11 anni e fa sparire il cadavere: arrestata

Dounya Zayer

LEGGI QUI -> Omicidio Floyd, ondata di proteste: ucciso poliziotto ad Oakland

La stessa Dounya Zayer ha spiegato cos’è successo in un video girato in ospedale e pubblicato su Twitter. Nella caduta la giovane ha battuto con forza la testa, ed è dovuta farsi ricoverare in ospedale. “Non c’era nessuna ragione per spingermi a terra. Non sono stata aggressiva con il poliziotto”, ha spiegato la ragazza alla stampa. Alcune persone, sopratutto sui social, l’avevano accusata di aver sputato all’agente: lei ha subito smentito. “Avevo la mascherina, non gli ho sputato. Lui mi ha detto di levarmi dalla strada e mi ha subito spinta. Non mi trovavo nemmeno di fronte a lui: è venuto lui verso di me, io ero in piedi e ferma”.