Home Cronaca Graziano Messina latitante dopo la condanna a 30 anni

Graziano Messina latitante dopo la condanna a 30 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:55
CONDIVIDI

Ieri sera la sentenza della Cassazione che gli ordinava di tornare in carcere: a 78 anni, di cui 40 in carcere Messina è di nuovo latitante.

Graziano Messina latitante dopo la condanna a 30 anni – meteoweek

78 anni di vita, di cui 40 trascorsi in carcere: dopo la condanna in Cassazione a scontare 30 anni dietro le sbarre, è fuggito. Graziano “Grazianeddu” Mesina, il famoso ex esponente e primula rossa del banditismo sardo, oggi è di nuovo latitante.

La Cassazione, spiega l’Unione Sarda, ieri ha rigettato il ricorso presentato dai suoi legali e reso definitiva una condanna a 30 anni per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, ma quando i carabinieri sono andati a prelevarlo nella sua abitazione a Orgosolo (Nuoro), dove il 78enne aveva l’obbligo di dimora, per portarlo di nuovo in carcere, Mesina non c’era. Scattata immediatamente la caccia all’uomo, Messina ora è ricercato in tutto il Paese. Nella sua lunga carriera ci sono rapine, omicidi e rapimenti che gli sono valsi quarant’anni nelle carceri della penisola (da Regina Coeli a Roma a Lecce fino a Terni e Vercelli). Era già stato latitante ma ripreso sempre aveva terminato di scontare la pena.

Nel 1992 fece da mediatore per il sequestro del bambino Farouk Kassam, in Costa Smeralda, e dopo la grazia si era reinventato come guida turistica del Supramonte che ben conosceva. Durante l’ultimo processo si è sempre dichiarato innocente, dopo la condanna di primo grado aveva detto: “È stato come se mi avessero dato la pena di morte”.

Leggi anche –> Mafia: ucciso ex collaboratore di giustizia

Leggi anche –> Mafia, blitz a Caltanissetta: tra gli arrestati un imprenditore antiracket

Leggi anche –> Provvedimenti interdittivi: ecco come a Palermo si combatte la Mafia

A poco più di un anno dalla sua liberazione Graziano Mesina è latitante – meteoweek

Dopo la condanna in appello per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, nel giugno 2019 Mesina era stato scarcerato per decorrenza dei termini ed era tornato a vivere a Orgosolo. Per la Dda di Cagliari era a capo di due gruppi criminali che, in punti strategici della Sardegna, si occupavano dell’approvvigionamento di vari tipi di droga. Al momento nessuno sa dove si trova e c’è da credere che non sarà semplice rintracciarlo. L’uomo è abbondantemente protetto da anni di carriera criminale.