Aspi, parenti delle vittime: “Ottima l’estromissione del maggior azionista”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:09

“Prendiamo atto che l’azionista di maggioranza nell’azienda titolare di concessione, sarà estromesso e questo non può che essere di buon auspicio ed un buon inizio”. Così ha commentato la presidente del Comitato parenti vittime del Ponte Morandi Egle Possetti sull’accordo con Aspi.

Una prima battaglia vinta, è quella dei parenti delle vittime sul ponte Morandi che sospirano dopo la notizia dell’estromissione del più grande azionista dell’azienda titolare.  “Fondamentali e discriminati” saranno la “massima penalizzazione economica agli azionisti che dovranno cedere le loro quote” e la “massima attenzione a non far ricadere sulle spalle della collettività il ripristino della rete autostradale degradata da anni di incuria”, aggiunge Egle Possetti. La notizia è stata fatta circolare dagli organi di stampa dell’accordo in cdm questa notte in merito all’annosa questione della concessione autostradale Aspi. L’attesa è stata tanta: molte sono state le premesse che sono emerse in questi mesi, le grandi difficoltà tecniche, economiche e politiche che hanno circondato e circondano questa questione. Finalmente almeno questa decisione è stata approvata.

Leggi anche -> WiFi4EU: l’iniziativa europea porta il Wi-Fi gratis in altri 300 comuni italiani

Leggi anche -> Bufale in rosa: tutte le “pseudocure” sulla salute al femminile

“Attendiamo l’evoluzione, con tutta la successiva documentazione,
per poter acquisire elementi determinanti sulle specificità
dell’accordo economico/tecnico”, ci tiene ancora a sottolineare  Possetti. Fondamentali sicuramente saranno le discriminati a questi punti: massima penalizzazione economica agli azionisti che saranno costretti a cedere le loro quote e soprattutto massima attenzione a non far ricadere sulle spalle della collettività la ripresa della rete autostradale degradata e consumata da anni di incuria. Altre risposte devono arrivare ma il primo tassello sulla questione è già stato inserito.