Conte ritrova la maggioranza giallorossa. Per il momento.

Partito Democratico e Movimento 5 Stelle fanno fronte compatto a sostegno del premier. Conte può contare sull’appoggio dei suoi alleati, soprattutto nella battaglia per ottenere i fondi Ue. Ma il pericolo è dietro l’angolo.

conte

All’improvviso, Giuseppe Conte si ritrova a non essere più solo. O comunque a non avere solo una parte di quelli che lui credeva fossero alleati per il bene dell’Italia. Il presidente del Consiglio si trova in questi giorni a Bruxelles per combattere la sua battaglia più importante, ovvero quella per l’ottenimento dei fondi Ue. La polemica sul Recovery Fund è ai suoi massimi storici, vista la posizione degli Stati frugali che vogliono riformulare la proposta di Merkel e Conte. E questo spirito sembra aver colpito favorevolmente i componenti della maggioranza di Governo.

Quest’ultima si è ritrovata improvvisamente compatta, proprio per il modo in cui il premier sta affrontando la questione. E così sia il Partito Democratico che il Movimento 5 Stelle ha manifestato il massimo sostegno all’indirizzo di Conte. Il tutto senza le recenti frizioni tra i due partiti principali che compongono la maggioranza. Sia Luigi Di Maio, il quale non ha mai negato il proprio appoggio al capo del Governo, che i vertici degli altri partiti sono dalla sua parte. Anche perchè lo stesso Conte lo ha ammesso: “Non posso rientrare in Italia con una sconfitta: mi sto giocando tutto”.

Proprio perchè, se in questo momento il sostegno appare forte, non è detto che le cose restino così anche dopo il vertice-fiume di Bruxelles. Da più parti, infatti, ci sono partiti pronti a presentare il conto al capo del Governo. E alla base di tutto ci sarebbe l’altra misura economica paventata dall’Unione Europea. Quel Mes richiesto a gran voce soprattutto da Partito Democratico e Italia Viva, ma che il Movimento 5 Stelle e lo stesso Conte tengono per il momento in stand-by. Il premier è andato all in sul Recovery Fund: una mossa che gli viene rimproverata dal premier olandese Rutte fin dall’inizio del vertice.

Di Maio sta con Conte: ma fino a quando? – meteoweek.com

E allora ecco che si inizia a sospettare che l’alleanza in seno alla maggioranza sia solo una fiducia a termine. E dal Partito Democratico viene fuori uno spiffero tutt’altro che incoraggiante in tal senso: il Governo potrebbe uscire indebolito dalla plenaria di Bruxelles. Tanto che si vocifera già di una “caduta dell’esecutivo a settembre” per la nascita del tanto discusso governissimo. E a reggerlo potrebbe essere Mario Draghi, ovvero quel “salvatore della patria ben visto in Europa” di cui si bisbiglia in seno alla maggioranza. Insomma, fiducia sì, ma fino a un certo punto.

Leggi anche -> Recovery Fund, la controproposta dei frugali fa discutere

Leggi anche -> Fisco, da oggi il via ai pagamenti: cosa si dovrà pagare in questi giorni

Per questo motivo, non risultano affatti incoraggianti le ultime notizie che arrivano dalla capitale belga. La controproposta dei frugali, che aumenta la fetta legata ai prestiti e riduce drasticamente quella a fondo perduto, se verrà approvata rischia di segnare la fine dell’esperienza di Conte al Governo. E non è un caso l’attacco frontale del premier italiano nei confronti dell’omologo olandese. Nelle ultime ore si è parlato addirittura di un rinvio della decisione dopo la fine dell’estate. Ma anche questo non giocherebbe in favore del capo del Governo.