Reati sessuali su minori: sgominata “psicosetta” nel Novarese

26 perquisizioni personali e 21 locali nelle province di Novara, Milano, Genova e Pavia, per la scoperta di una “psicosetta”. Gli adepti sono accusati di associazione per delinquere e di molteplici reati in ambito sessuale.

A seguito di una complessa attività investigativa coordinata dalla procura della Repubblica di Torino è stata sgominata la banda con sede nella provincia di Novara e diramazioni nella città di Milano e nel pavese. I due anni di attività di indagine della squadra mobile di Novara e del Servizio centrale operativo hanno consentito di accertare l’esistenza di una potentissima ‘psicosetta‘. I membri del clan erano prevalentemente di sesso femminile, ma con a capo un uomo, oggi 77enne, che controllava i numerosi giri criminali.

Leggi anche -> Fondi Ue, continuano le trattative, nuovi scontri e accuse tra i leader

Leggi anche -> Fisco, da oggi il via ai pagamenti: cosa si dovrà pagare in questi giorni

Si sono resi responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù e alla commissione di numerosi e gravi reati in ambito sessuale, anche in danno di minori. 
Tutti i dettagli dell’operazione verranno forniti nell’ambito della conferenza stampa che si terrà alle ore 10 presso la sala riunioni della questura di Novara.