Home Cronaca Nuovi finanziamenti in arrivo. Ecco le proposte del Governo

Nuovi finanziamenti in arrivo. Ecco le proposte del Governo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10
CONDIVIDI

Nei piani del Governo ci sono 13 miliardi per il Pacchetto lavoro e sgravi di 6 mesi per i neoassunti. Inoltre si pensa a nuovi fondi per enti locali.

Nuovi fondi - Meteoweek.comAl via i lavori del Governo per il pacchetto di misure finanziarie a sostegno di enti locali ed assunzioni. Inoltre nella manovra di agosto, da approvare entro una decina di giorni, sono previste le proroghe a diverse misure anti-Covid già esistenti. Comuni e Regioni, rimasti praticamente a bocca asciutta in questa stagione turistica, riceveranno dei sussidi per rimpolpare le loro casse. In particolare ai governatori verranno distribuiti 2,8 miliardi, a cui si sommeranno i 3,5 miliardi dati in dotazione ai sindaci.

Il pacchetto di sussidi del Governo ha come obbiettivo il risollevamento degli enti locali dopo la caduta libera nella crisi dovuta al Coronavirus. Infatti la manovra potrebbe contenere anche un corposo anticipo di risorse per le amministrazioni locali. “Una nuova iniezione di liquidità”, dice il viceministro dell’Economia Laura Castelli, che sfrutterà anche l’anno di deroghe per appalti e cantieri introdotto dal decreto Semplificazioni. Inoltre nella manovra dovrebbe essere contemplato il rifinanziamento del Fondo Fraccaro, destinato alle piccole opere nei Comuni, e saranno messe a disposizione risorse utilizzabili dal 2021. Con queste misure aggiuntive il Governo arriverà a stanziare 5,5 miliardi di euro per le realtà locali. E non finisce qui. Le Province riceveranno nuovi fondi per gli interventi alle scuole e per la manutenzione di ponti e viadotti.

Leggi anche –> Coronavirus: riaprire le scuole? Più benefici che rischi

Il pacchetto lavoro

Il Ministro Nunzia Catalfo afferma che la maggior parte delle misure che il Governo vorrebbe attuare riguardano il lavoro. Infatti 13 dei 25 miliardi stanziati saranno destinati ai lavoratori. Rinnovo della Cassa Integrazione Covid per altre 18 settimane e bonus di 600 euro per le categorie più colpite dalla crisi (stagionali del turismo e lavoratori dello spettacolo, in particolare). Queste le risorse che l’Esecutivo spera di poter mettere in campo con questo nuovo pacchetto lavoro. La direzione imboccata dal Governo è quella di dare una ventata di aria fresca alle assunzioni. Infatti nella manovra di agosto dovrebbe essere inserito uno sgravio di 6 mesi al 100%, e senza vincoli d’età, per i neoassunti. Non solo. Una decontribuzione della durata di 3-4 mesi sarà introdotta per chi riporta al lavoro un dipendente in Cassa Integrazione.

Novità per il fisco

La promessa del Governo non si ferma a nuove iniezioni di liquidità, ma tocca anche la questione fiscale. “Tempi lunghi”, promette la viceministra Castelli: “oltre i 24 mesi” per saldare Iva, ritenute e contributi rinviati a marzo, aprile e maggio. Antonio Misiani, vice del Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, spiega che la manovra prevede il pagamento a rate del 50% del dovuto nel 2020, mentre il resto delle tasse dovrà essere saldato tra il 2021 e il 2022. Questo allentamento della stretta fiscale piace anche a Forza Italia, in particolare nell’“ulteriore misura del rinvio fino a novembre dell’emissione delle cartelle esattoriali” a cui si sta lavorando. Infatti, come afferma Mariastella Gelmini, FI può valutare lo scostamento previsto per il 29 luglio solo a fronte di un “rinvio delle tasse”.

Per ora però non c’è nulla di concreto. Le simulazioni rispetto questa nuova manovra sono ancora in corso. Il risultato finale dipenderà da diverse incognite, tra cui i fondi rimasti inutilizzati finora anche dalla Cig Covid o dal Reddito di emergenza. Entro 10 giorni dovrebbe arrivare la proposta definitiva dell’Esecutivo.