Stroncata da crisi epilettica a tre anni: il cuore si è fermato all’improvviso

Ieri sera una bimba di tre anni è morta a seguito di una crisi epilettica. A comunicarlo è la direzione medica dell’ospedale di Conegliano. Probabilmente, durante la crisi, la bambina è entrata in crisi respiratoria. Proseguono le indagini e il riscontro diagnostico per comprendere a pieno le dinamiche della morte.

Ambulanza - Meteoweek.com

E’ stata ufficializzata ieri sera a Conegliano, ore 21: 26, la tragica morte di una bambina di tre anni, stroncata da una crisi epilettica e, probabilmente, da una conseguente crisi respiratoria. Il tutto è iniziato alle 19:45, quando al 118 è arrivata la richiesta di aiuto da parte del padre della bimba. Non un “semplice” attacco epilettico come gli altri, quello che ha tolto la vita alla piccola: a seguito della crisi, la bimba avrebbe riscontrato diverse problematiche, tanto che il padre avrebbe chiamato allarmato i soccorsi perché non riusciva a svegliarla. La bimba, di origine ghanese e residente a Santa Lucia di Piave, è stata immediatamente raggiunta da ambulanza e auto medica provenienti dall’ospedale di Conegliano. Oltre a queste vetture, l’elicottero proveniente da Treviso. Una volta arrivati sul posto, i sanitari hanno fatto di tutto per cercare di rianimarla, intubandola e perseguendo ogni strada per circa un’ora. Sforzi vani: nonostante tutto, i sanitari non sono riusciti a salvare la vita della piccola che, arrivata in pronto soccorso a Conegliano, è stata dichiarata morta ufficialmente alle 21:26. Non restano che le condoglianze, espresse anche dalla direzione dell’Ulss 2 che esprime la propria vicinanza alla famiglia della piccola.

LEGGI ANCHE -> Quota 100, Ape sociale e opzione donna: ecco cosa cambia

LEGGI ANCHE -> Stato emergenza, la Camera dice sì a proroga. Conte: “Non è lockdown”

lina bimba morta

Una storia che si aggiunge a un’altra giovane e tragica morte avvenuta di recente, questa volta a Ercolano, in provincia di Napoli. Lina, la bimba di 11 anni, è morta lo scorso 26 luglio presso la piscina dell’Hotel Punta Quattroventi. Molti sono i dubbi sulla vicenda. Stando a quanto riportato fino ad ora, la bimba stava giocando con gli amici in piscina quando ha accusato un malore improvviso, che ha portato all’annegamento. Nonostante il pronto intervento del 118, per la bimba non c’è stato niente da fare. Ora il corpo di Lina si trova nell’Istituto di Medicina Legale del Policlinico Federico II di Napoli, dove si attende l’esito dell’autopsia. Intanto a piangere la scomparsa della bambina è anche l’Associazione Paradiso, campo estivo frequentato da Lina, che su Facebook scrive: “Mia piccola Lina ci mancherai troppo, ci mancherà troppo anche quel sorriso, lo stesso che al mattino mi regalavi quando venivo a prenderti per andare a divertirci in piscina. Purtroppo i tuoi abbracci e i tuoi ripetuti ‘ti voglio bene’ resteranno solamente un bel ricordo, un ricordo che custodirò nel mio cuore. Sono orgoglioso d’aver avuto la fortuna di essere stato una parte felice della tua vita”.