Modella denuncia violenza: “Picchiata da ex calciatore in discoteca, nessuno mi ha aiutata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:52

Accuse pensatissime, quelle lanciate da una modella nei confronti di un ex calciatore della Fiorentina: la ragazza ha raccontato di essere stata picchiata dall’uomo mentre erano in discoteca. A testimonianza di ciò, un video in cui mostra le conseguenze che ora è costretta a portarsi addosso.

modella picchiata da calciatore fiorentina
la modella modella picchiata dall’ex calciatore della Fiorentina – fotogramma del video

Un video su internet per denunciare, in un appello tra le lacrime, un gravissimo atto di violenza. Questa la reazione di una giovane modella di 20 anni, colpita violentemente al volto da un ex calciatore della Fiorentina. La vittima si trovava in discoteca, e sarebbe stata aggredita dall’uomo sotto gli occhi di tutti. Nessuno però sarebbe intervenuto a soccorrerla, a difenderla. Lasciata lì, in una pozza di sangue e con la mandibola fracassata, la giovane sarebbe stata aiutata soltanto dalla sua amica. Una involontaria protagonista, l’altra incredula testimone dell’ennesimo atto di violenza di genere.

Nessuno aiuta la modella picchiata: il personale fa scappare il calciatore

Una gravissima vicenda, quella verificatasi la scorsa settimana, nella notte tra giovedì e venerdì. A portarla all’attenzione dei media è stato il quotidiano di Firenze Today. A raccontare i fatti, però, è stata direttamente la vittima dell’aggressione, una giovane modella di 20 anni. La ragazza ha raccontanti di essersi intrattenuta in una discoteca fiorentina, quella sera, e che si sarebbe avvicinata un ex calciatore della Fiorentina per parlare, proprio sotto richiesta dell’uomo. Di certo, però, non si sarebbe mai aspettata la violenta reazione dello sportivo.

All’improvviso, infatti, il calciatore l’avrebbe colpita con un pugno rovinoso, che le ha fracassato la mandibola. Fratture riportate sia alla parte destra che a quella sinistra, e per le quali oltre al ricovero ospedaliero e una prognosi di 30 giorni, saranno necessari un intervento chirurgico e un periodo di riabilitazione. La ragazza racconta, mentre trattiene le lacrime, che nessuno quella notte si sarebbe minimamente degnato di aiutarla. Nonostante ad assistere alla scena ci fossero state diverse persone.

ambulanza di notte
foto di archivio

Nella sua lucida ma dolorosa ricostruzione, la modella spiega infatti che gli addetti del locale si sarebbero preoccupati anzitutto di portare via l’ex calciatore, di scortarlo tempestivamente in auto così da farlo allontanare quanto prima dal luogo dell’aggressione. Una vicenda troppo pericolosa per la sua immagine, probabilmente, e che avrebbe finito per provocargli “fastidiosi” guai. Mentre lei, a sopportare l’umiliazione e il male provocato dal quel colpo in pieno volto, è rimasta sola, in una pozza di sangue.

Ad accorrere in suo aiuto soltanto la sua amica e altri suoi conoscenti, che l’hanno infine accompagnata in ospedale. A raggiungerla al pronto soccorso, sarebbero state poi anche le forze dell’ordine; perché quando le volanti di via Zara hanno finalmente raggiunto il locale notturno, verso le 3 del mattino, la vittima era stata già portata via.

LEGGI ANCHE: Roma, litiga con la moglie e mette il neonato sotto l’acqua bollente

LEGGI ANCHE: Migranti, Lampedusa sotto assedio: hot spot al collasso, i turisti hanno paura dei contagi

La versione dei fatti è stata ora messa al vaglio dagli investigatori della squadra mobile di Firenze. Le accuse lanciate dalla modella sono infatti ancora in fase di accertamento da parte delle autorità. E nessun nome, ancora, è stato dato al calciatore che l’ha aggredita, spaccandole la mandibola. Sempre secondo quanto si apprende dalle fonti, però, pare che tra lui e la giovane ci fosse già un passato turbolento, fatto di screzi e gelosie che vedono coinvolti anche la fidanzata dello sportivo. Ma la paura ora è che un episodio del genere possa finire nel dimenticatoio, e che il calciatore “ricco e famoso” possa farla franca. “Voglio giustizia, perché non funziona così”, conclude il lacrime la modella.