Beirut: i morti salgono a 50 per le due forti esplosioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:06

E’ di 50 morti e 2.750 feriti il bilancio aggiornato delle vittime delle esplosioni al porto di Beirut. Lo ha riferito il ministro della Salute libanese. 

Due militari italiani sono rimasti feriti in modo non grave in seguito alle esplosioni avvenute a Beirut, mentre altri sono sotto osservazione perché in stato di choc. Lo apprende l’ANSA da fonti qualificate, secondo cui i militari fanno parte di un’unità del contingente italiano in Libano.

Una grande esplosione ha colpito la capitale libanese, Beirut, causando danni diffusi e ferendo molte persone, dicono i funzionari. Non è ancora chiaro cosa abbia causato l’esplosione nell’area portuale della città. Il video pubblicato online mostrava una grande fungo e edifici distrutti.

Si dice che gli ospedali siano sopraffatti dalle vittime.

Arriva un momento delicato con il collasso economico del Paese che riaccende le vecchie tensioni. Le tensioni sono anche molto avanti rispetto al verdetto in un processo per l’uccisione dell’ex premier Rafik Hariri nel 2005. Un tribunale delle Nazioni Unite dovrebbe emettere il suo verdetto nel processo contro quattro sospetti nell’omicidio di un’autobomba di Hariri venerdì. Il ministro della salute del Libano, Hamad Hasan, ha parlato di molti feriti e danni estesi. L’agenzia di stampa Reuters cita fonti secondo cui 10 corpi sono stati estratti dal relitto. La causa dell’esplosione non è ancora nota, ma alcuni rapporti suggeriscono che potrebbe essere stato un incidente. La National News Agency del Libano ha riferito di un incendio scoppiato in quello che chiamava deposito di esplosivi nel porto.

I media locali hanno mostrato persone intrappolate sotto le macerie. Un testimone ha descritto la prima esplosione come assordante. Il filmato mostrava macchine distrutte e edifici distrutti. Gli ultimi rapporti arrivano tra le tensioni politiche in Libano, con manifestazioni di piazza contro il governo che gestisce la peggiore crisi economica dalla guerra civile del 1975-1990. C’è stata anche una tensione al confine con Israele, che ha dichiarato la scorsa settimana di aver contrastato un tentativo di Hezbollah di infiltrarsi nel territorio israeliano.

Vetro che scende da tutto l’edificio’

Hadi Nasrallah, testimone oculare che parla alla BBC

Ho visto il fuoco, ma non sapevo ancora che ci sarebbe stata un’esplosione. Siamo entrati. Improvvisamente ho perso l’udito perché apparentemente ero troppo vicino. Ho perso l’udito per alcuni secondi, sapevo che qualcosa non andava. E poi all’improvviso il vetro si è frantumato in tutta la macchina, le macchine intorno a noi, i negozi, i negozi, gli edifici. Solo vetro che scende da tutto l’edificio. Letteralmente in tutta Beirut, le persone si chiamavano da diverse aree a chilometri di distanza e vivevano la stessa cosa: vetri rotti, edifici che tremavano, un’esplosione rumorosa. In realtà siamo rimasti scioccati perché di solito quando succede, solo una zona sperimenterà quegli eventi dopo un’esplosione, ma questa volta è stata tutta Beirut, anche le aree al di fuori di Beirut.

Shock e ansia

I video e le immagini non solo della massiccia nuvola di fumo che esplode a Beirut, ma il danno e la devastazione che ha causato a chilometri di distanza hanno scatenato una nuova ondata di shock e ansia in Libano, che sta già barcollando sull’orlo di un catastrofico crollo economico. Poche ore prima dell’esplosione, i manifestanti antigovernativi si erano fatti a pezzi con le forze di sicurezza al di fuori del ministero dell’energia, chiedendo ancora una volta la responsabilità dei leader del paese. Ci sono stati gravi avvertimenti di fame nelle strade o di riaccensione del conflitto settario se l’economia peggiora. E l’esplosione ricorderà a molti la bomba che ha ucciso Rafik Hariri. I libanesi spereranno che quest’ultima esplosione rimanga una tragedia umana – un incidente – e non un atto premeditato.