Esplosione di Beirut come una bomba nucleare, avvertita fino a Cipro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:10

Una massiccia esplosione nella capitale libanese di Beirut ha ucciso almeno 50 persone, lasciato migliaia di feriti e provocato devastazioni sulla città.  Il ministro della sanità del paese ha dichiarato che oltre 3.000 sono stati feriti a seguito dell’esplosione nel porto industriale della città, dove si ritiene che i magazzini contengano materiali esplosivi. 

Filmati drammatici dalle 18:00 circa dell’ora locale mostrano il fumo fluttuante dall’area del lungomare poco prima che un’enorme palla di fuoco esploda nel cielo e avvolga la città in una fitta nuvola di funghi.  I testimoni hanno sottolineato l’enorme vastità dell’esplosione, che è stata ascoltata a 125 miglia di distanza a Cipro, e l’hanno paragonata a una “bomba nucleare”.

Ha cancellato gli edifici circostanti immediati, dove i vigili del fuoco stavano ancora combattendo le fiamme questa sera, e ha persino inflitto danni ai distretti a miglia di distanza dal luogo dell’esplosione.  Il capo della sicurezza generale Abbas Ibrahim ha dichiarato: “Sembra che ci sia un magazzino contenente materiale che è stato confiscato anni fa e sembra che fosse materiale altamente esplosivo”.  Indicando quelli che sembrano fuochi d’artificio che fuoriescono dal fumo, gli esperti hanno detto che una combinazione di fuochi d’artificio e fertilizzanti altamente infiammabili avrebbe potuto scatenare una simile esplosione.

Il primo ministro Hasan Diab ha promesso in un discorso televisivo che “i responsabili di questa catastrofe pagheranno il prezzo” e ha dichiarato mercoledì un giorno di lutto nazionale. Ha anche promesso verifiche su “questo pericoloso magazzino che esiste da sei anni, dal 2014”.