Massimo Giletti sotto scorta: in pericolo dopo le minacce del boss Graviano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:28

Massimo Giletti protetto dalla scorta dopo le minacce del boss mafioso Filippo Graviano: a deciderlo è stata la ministra dell’interno Luciana Lamorgese.

Massimo Giletti
Massimo Giletti- Foto tv- Meteoweek

Massimo Giletti è in pericolo: il conduttore di Non è l’Arena è stato posto sotto protezione da circa due settimane per decisione del ministro dell’interno italiano.

Un gruppo di carabinieri si occupa di tutelare Giletti dopo le minacce ricevute dal giornalista: al momento il diretto interessato non si è ancora espresso sulla decisione.

Paura per Massimo Giletti: il giornalista è sotto protezione

Giletti è stato in prima linea dopo quanto accaduto in Italia durante il periodo di pandemia: il Coronavirus ha influenzato la scelta di rispedire nelle proprie abitazioni centinaia di detenuti. Molti mafiosi erano tornati a casa per timore di essere contagiati dal Coronavirus.

I servizi mandati in onda a Non è l’Arena hanno infastidito il boss Graviano, che si è lasciato andare a molte minacce nei confronti del conduttore, tanto da spingere le forse dell’ordine ad optare per una scorta.

In particolare, durante un’intercettazione, è emerso quello che Graviano pensa nei confronti del giornalista di La 7. Le intercettazioni delle sue chiamate sono avvenute all’interno un carcere di massima sicurezza, dove è stato rinchiuso a seguito della condanna per le stragi del ’92 e del ’93.

LEGGI ANCHE ——-> Luca Onestini contro Uomini e Donne | La verità sulla storia con Soleil Stasi

LEGGI ANCHE ——-> Grande Fratello, arriva la verità sull’addio: “Flirtava con altri uomini”

Giletti: le inchieste giornalistiche coraggiose di Non è L’Arena

Massimo non si è fermato e ha deciso di portare avanti la sua inchiesta, nonostante la sofferenza per la morte del padre, venuto a mancare poche settimane fa: una grande perdita per Giletti.

Giletti ha dimostrato di non avere paura, ma il giornalista rischia la vita e ha bisogno di protezione dopo le minacce ricevute. C’è da scommettere che questa presa di posizione della malavita non scoraggerà la ricerca di verità e di giustizia del giornalista che si dimostra sempre più impegnato su più fronti per portare in tv i principali fatti di cronaca e indagare a fondo su quanto accade in Italia.