Ticino: fanno sesso a tre sulla riva in pieno giorno davanti ad altri bagnanti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:21

A Catelletto di Cuggiono, in Ticino, aumentano gli atti osceni in luogo pubblico. Stando a quanto si apprende dai giornali locali sarebbe diventato un nuovo luogo di incontro tra scambisti. L’ultimo episodio è avvenuto domenica in pieno giorno, e ha visto protagonisti tre giovani, intenti a consumare un rapporto sessuale davanti gli occhi allibiti dei presenti. 

ticino atti osceni

L’episodio si è verificato domenica, in pieno giorno, nella località Castelletto di Cuggionoin Ticino, sulla riva del fiume. A descrivere l’accaduto sono stati gli stessi bagnanti che hanno assistito al rapporto a tre consumato alla luce del sole. “Ero con alcuni amici lungo una spiaggetta verso Bernate – commenta Andrea Di Cuggiono – quando un uomo e due donne hanno consumato un rapporto in piena regola. Davanti a tutti e come se nulla fosse e senza minimamente preoccuparsi di infastidire chi prendeva il sole. Sono anni che vengo in queste zone, ma fino a questo punto non si erano mai spinti”. Alcuni hanno deciso di registrare la scena con il telefonino, altri invece si sono occupati di avvertire le autorità.

LEGGI ANCHE -> Lascia i 3 figli chiusi sul balcone al sole e va a fare la spesa

LEGGI ANCHE -> Mix di alcol e droga, ragazzo di 19 anni finisce in ospedale a Rimini

Eppure, alla fine, nessun provvedimento è stato preso, nessun protagonista dell’atto osceno è stato denunciato. La tendenza sarebbe talmente diffusa in Ticino, tra scambisti e nudisti, che, verso Bernate Ticino, alcuni cartelli reciterebbero: “Attenzione possibili atti osceni nel tratto di fiume Castelletto Bernate”. A commentare indignata la situazione generale è anche una donna del posto, che ha affermato: “Ormai non c’è più limite al peggio servirebbero controlli serrati, divieti, sanzioni e denunce. E’ inconcepibile una situazione di questo genere. Non esistono più regole. C’è chi arriva per fare il barbecue e lascia in giro i rifiuti e chi si comporta come se fosse a casa sua. Il Ticino è di tutti, anche di coloro che non vogliono vedere quelle cose. Sono loro ad essere nel torto in situazioni come questa”.