Usa, ricoverato il fratello di Donald Trump in gravi condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:53

Robert Trump (72 anni), il fratello minore del presidente americano, è ricoverato in un ospedale di New York in gravi condizioni. Era già stato in ospedale per molto tempo lo scorso giugno.

A riportare la notizia sono stati i media americani ma presto sarà lo stesso Donald Trump (74 anni) a fornire ulteriori dettagli sulla salute del fratello. Si recherà nelle prossime ore a trovarlo in ospedale. Secondo le indiscrezioni, Robert Trump sarebbe ricoverato in condizioni “molto gravi”. Il presidente e suo fratello hanno un “ottimo rapporto”, ha riferito la portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, assicurando che Trump farà il possibile per stargli vicino. Già lo scorso giugno il fratello del capo della Casa Bianca era stato ricoverato per oltre una settimana nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Mount Sinai di New York. Più recentemente, era stato sotto ai riflettori per aver cercato, a nome della famiglia, di bloccare la pubblicazione del libro della nipote Mary, intitolato «Troppo e mai abbastanza» secondo lui molto critico nei confronti del fratello.

LEGGI ANCHE -> Viviana Parisi, la zia di Gioele: «Voglio trovare Gioele, faccio le ricerche da sola»

LEGGI ANCHE -> Nonno spara per errore al nipote di sette anni: morte cerebrale per il bimbo

Chi è Robert Trump

Robert si è unito agli affari di famiglia come direttore esecutivo, ma a differenza del presidente, non ha mai gradito fare vita pubblica. Sposato e divorziato dopo 25 anni di matrimonio, nel 2007, Robert è praticamente sparito dalle cronache americane, dopo essersi rifugiato a Millbrook, nella valle dell’Hudson, fuori New York, con la sua ex segretaria, Ann Marie Pallan, nuova moglie a marzo. Con lei porta avanti iniziative di solidarietà con la Angels of Light, un’organizzazione no-profit. “Non è appariscente, non potrebbe essere diverso dal fratello, non capisco come possano far parte della stessa famiglia”, ha spiegato sorridendo un vicino.

Robert è stato però il più fedele sostenitore di Donald tra i suoi fratelli: è lui ad organizzare raccolte fondi ed eventi per la sua campagna, la stessa che nel 2017, celebrò la festa alla Casa Bianca per l’elezione a presidente degli Stati Uniti. In quell’occasione tenne il discorso a nome di tutta la famiglia affermando l’orgoglio per il trionfo del fratello. “Sostengo mio fratello al mille per cento”, aveva ribadito in un’intervista i mesi precedenti.