Morani: “Il 14 settembre le scuole riapriranno”, ma restano alcuni problemi

Alessia Morani, sottosegretaria allo sviluppo economico, parla ai microfoni di Agorà a proposito della riapertura delle scuole: “Il 14 settembre riapriranno le scuole, sono stati predisposti i protocolli per tutte le scuole, dall’asilo alle scuole superiori. Scontiamo problemi di edilizia e spazi che non derivano dal Covid”.

Le scuole riapriranno il 14 settembre, dice ad Agorà Alessia Morani, sottosegretaria allo Sviluppo economico. Le scuole riapriranno perché i protocolli ci sono e l’operatività per risolvere gli ultimi nodi è massima, rassicura Morani: “Il 14 settembre riapriranno le scuole, sono stati predisposti i protocolli per tutte le scuole, dall’asilo alle scuole superiori. Scontiamo problemi di edilizia e spazi che non derivano dal Covid, ma da decenni e si sta lavorando per attrezzare i locali per evitare che ci siano classi troppo affollate”. Non si tratta di un problema emerso nell’ultima ora, ed è da mesi, ormai, che il Governo sta cercando di risolverlo. Morani continua: “E’ un lavoro che stiamo facendo da tutta l’estate, non si è mai interrotto”, così come “non si è mai interrotto l’esame epidemiologico di insegnanti, personale e di tutti quelli coinvolti. Ora stiamo affrontando il tema del trasporto scolastico, che non è un problema semplice”. Insomma, secondo Morani i problemi sono tanti, ma l’impegno del Governo è costante, volto a risolvere criticità apparse più volte anche in altri Paesi europei: “Ci troviamo di fronte a una pandemia. Anche negli altri Paesi sulla scuola ci sono stati tanti stop e go. Serve un piano serio sulle riaperture. Per quanto riguarda settembre, siamo consapevoli che non tutto sarà a regime, ci vorrà qualche settimana”.


LEGGI ANCHE -> Coronavirus e migranti: Faraone denuncia Salvini e Musumeci


conte scuola

Intanto il premier Giuseppe Conte alza l’attenzione sull’apertura delle scuole, convocando un incontro che ha avuto luogo lunedì. Presenti la ministra dell’Istruzione e i ministri competenti sulla riapertura, la titolare del Mit Paola De Micheli e il ministro della Salute Roberto Speranza. A partecipare al vertice, anche Angelo Borrelli e Domenico Arcuri. Tutti presenti, insomma, per contribuire all’organizzazione dell’apertura delle scuole, perché, come ribadito dal premier, “la scuola è una responsabilità di tutti, non solo della Azzolina”. Poi ancora: “Per il governo far riaprire la scuola è un imperativo categorico. Non sono ammessi errori di alcun tipo. Dobbiamo essere assolutamente preparati. L’anno scolastico deve ripartire come stabilito. E deve ripartire in sicurezza”. Secondo Il Messaggerro l’aria che tira sarebbe quella di un commissariamento della ministra dell’Istruzione. Le versioni sono tante, alcuni parlano di solidarietà, altri di commissariamento.


LEGGI ANCHE -> Scuola, pediatri: rischiamo di chiedere il tampone per tutti


Nel frattempo, per oggi sarebbe previsto un nuovo incontro tra Regioni e Governo sull’avvio dell’anno scolastico. Al centro del vertice, le prescrizioni sanitarie e il trasporto pubblico, a seguito delle prime indicazioni fornite dal Mit per l’utilizzo degli scuolabus. Presenti, oltre ai governatori, anche i ministri competenti: Lucia Azzolina, Roberto Speranza, Paola De Micheli, con il commissario all’Emergenza Domenico Arcuri. A commentare è già Francesco Boccia, ministro degli Affari regionali, che ribadisce: ”Non torniamo indietro, le scuole vanno riaperte in sicurezza. I tamponi e i test devono essere fatti e vanno fatti in tempo reale. Se c’è un contagio, si agirà di conseguenza”. Poi ancora: “Il 14 parte un gruppo molto importante e alcune Regioni partono dopo le elezioni intorno al 23-24 settembre. Se si vota il 20-21, il tempo della sanificazione e si partirà il 23-24. Mi viene in mente la Puglia, la Sardegna, la Calabria”. Non mancano, però, le polemiche da parte di diversi governatori, tra cui quello della Liguria Giovanni Toti: “Mancano 20 giorni all’inizio della scuola e ancora si naviga nel buio dell’inconcludenza di questo governo, che ha avuto mesi per decidere per poi ritrovarsi all’ultimo senza soluzioni. Risposte chiare e immediate. È quello che le Regioni, compatte come sempre sui temi che riguardano la vita delle persone, chiedono all’esecutivo per la riapertura delle scuole. Le famiglie, il personale scolastico e i nostri bambini e ragazzi meritano di sapere e di riprendere l’anno scolastico”.