Sondaggi Regionali 2020: il centrodestra grande favorito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:55

Secondo i sondaggi il centrodestra potrebbe conquistare fino a 5 Regioni su 6.Il dato più interessante riguarda la Toscana storicamente di sinistra

Elezioni regionali 2020 centrodestra

Sono le ultime rilevazioni del Tecnè, parlano di un centrodestra dominante per le prossime elezioni regionali che si terranno il 20 e il 21 settembre. Il centrodestra potrebbe conquistare buona parte del Paese e ottenere la maggior parte delle preferenze in 5 delle 6 Regioni in cui si voterà: Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania e Puglia. La nota più interessante è la Regione Toscana, storicamente di sinistra, in cui si vedrebbe quindi un clamoroso ribaltone.

Debacle per Pd e M5S

In Liguria, Pd e M5s hanno deciso di correre insieme con Ferruccio Sansa come candidato, ma i sondaggi dicono che il governatore Giovanni Toti verrà riconfermato, potrebbe ottenere il 51-55% dei voti contro il 39-43% dell’avversario. Nel Veneto invece non c’è nemmeno partita, Luca Zaia potrebbe conquistare oltre il 76% delle preferenze. Inoltre, la sua lista potrebbe prendere più voti della Lega-Salvini premier (33% contro il 26% del Carroccio).


LEGGI ANCHE:


Elezioni regionali 2020 Luca Zaia Veneto
Zaia / Salvini

Anche nelle Marche dovrebbe essere il centrodestra a dominare con Francesco Acquaroli di Fratelli d’Italia, potrebbe raggiungere il 43,5-47,5% dei voti contro il 36-40% di Maurizio Mangialardi del centrosinistra e il 12,5-16,5% di Gian Mario Mercorelli del M5S. In Campania Vincenzo de Luca è in leggero vantaggio sul concorrente principale Stefano Caldoro (42,5-46,5% per il governatore uscente contro il 37-41% per il candidato di centrodestra) mentre in Puglia sembra che il dem Michele Emiliano dovrà passare il comando a Raffaele Fitto di FdI. Il primo dovrebbe fermarsi al 37,5% mentre Fitto potrebbe arrivare al 43,5%.

Elezioni regionali 2020 ceccardi in Toscana Lega
Ceccardi / Salvini

Il dato più interessante è quello riguardante la regione Toscana, con Susanna Ceccardi della Lega che sta con il fiato sul collo a Eugenio Giani dem. Si stima che il secondo possa ottenere il 44-48% dei voti ma l’ex sindaco di Cascina è molto vicina con il 38,5-42,5% delle preferenze.