La confessione di Paolo Brosio sul GF Vip | Il giornalista entrerà nella Casa?

Sul settimanale ‘Novella 2000’ arriva la confessione di Paolo Brosio, in lista tra i principali candidati del prossimo GF Vip.

Il giornalista Paolo Brosio – meteoweek

Mentre è scattato il countdown per il taglio del nastro del Grande Fratello Vip per il prossimo 14 settembre 2020, arriva anche la confessione di Paolo Brosio, uno dei nomi più quotati nel ‘toto-cast’ della quinta edizione.

La confessione di Paolo Brosio: sarà nel cast del GF Vip?

Paolo Brosio dice ‘no’ al GF Vip – meteoweek

Tra le varie anticipazioni suoi nomi dei partecipanti della quinta edizione del reality, era spuntato anche quello del giornalista inviato religioso ma adesso, a pochi giorni dall’inizio del GF Vip, arriva la confessione di Paolo Brosio.

La rivelazione è stata ufficializzata da ‘Novella 2000’, più precisamente nella rubrica ‘Up&Down’, a cura del direttore Roberto Alessi. Ecco quanto è stato scritto: ”Roberto non vado, niente Grande Fratello Vip per me. Così mi risponde Paolo Brosio quando gli chiedo della sua partecipazione al ‘Grande Fratello Vip’ di Alfonso Signorini, come concorrente. Io comunque sapevo che lui sarebbe stato nel cast, ma non posso dire se mi ha detto una bugia“.

Il polverone di Paolo Brosio

Paolo Brosio – meteoweek

Aveva destato sconcerto quanto dichiarato da Paolo Brosio a ‘Live-Non è la D’Urso’ in merito al tema del Coronavirus e il divieto di celebrare riti religiosi per evitare assembramenti: “I fedeli non possono ricevere i sacramenti, questo è assurdo. Ma io non dico le messe della domenica, ma quelle infrasettimanali, ci sono solo poche persone, perché proibirle?”.

Leggi Anche ->Paolo Brosio: se il Governo si fosse affidato a Dio e non alla scienza, avremmo già risolto tutto

Leggi Anche ->Coronavirus, Brosio attacca Conte: “Ha sbagliato, si è affidato alla scienza e non a Dio”

In quell’occasione, a nulla era servito l’intervento di Vladimir Luxuria volto a far ragionare il giornalista sulla pericolosità degli assembramenti: “Si nega il sacramento dell’unzione dell’infermo ai moribondi: in un paese cristiano e cattolico come il nostro!Ricordiamoci di mettere Dio prima della scienza, perché la scienza è un dono di Dio”.