Regionali in Puglia, Fitto opera il sorpasso su Emiliano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:02

Il candidato del centro-destra è in vantaggio sull’attuale governatore in vista delle elezioni regionali. C’è ancora un punto e mezzo di distacco tra le parti. I partiti con più voti sembrano essere Lega e Pd.

fitto-regionali
Raffaele Fitto – meteoweek.com

Ci sono otto candidati in vista delle prossime elezioni regionali in Puglia. Al momento, però, sembra esserci un uomo solo al comando. Si tratta di Raffaele Fitto, che in base agli ultimi sondaggi sarebbe in testa nelle preferenze dei pugliesi, chiamati a votare tra un paio di settimane. Il candidato scelto dal centro-destra per prendersi la poltrona di governatore della regione sarebbe particolarmente gradito agli elettori. Tanto che in questo momento avrebbe scavalcato l’attuale titolare di questo ruolo, ovvero il candidato del Partito Democratico.

Le liste che in questo momento appoggiano Fitto alle regionali di fine settembre porterebbero una somma di voti pari al 42,4%. Si tratta di una percentuale che supera di quasi un punto e mezzo le intenzioni di voto al candidato singolo. Per quanto riguarda le liste in favore di Emiliano, queste raggiungono la quota del 38,4%. Si tratta in questo caso di una percentuale che toglie un punto all’attuale governatore. In questo senso va letta una posizione: esiste l’opzione di un voto disgiunto di una parte di elettori delle liste avversarie che esprimono apprezzamento nei confronti di Michele Emiliano.

Michele Emiliano – meteoweek.com

Come ad esempio il 45% degli elettori che hanno fatto sapere di appartenere al Movimento 5 Stelle. Ma al tempo stesso anche il 18% degli elettori di centro-destra sarebbero pronti a votare in favore di Emiliano, nel segno del cambiamento e senza lasciarsi influenzare da posizioni politiche. Attualmente, dunque, il voto disgiunto potrebbe essere un passaggio fondamentale nell’elezione del nuovo governatore della Puglia. Ma un altro ruolo importante è giocato dagli attuali indecisi, che per il momento rappresentano il 15,5% dell’elettorato in vista delle regionali.

Leggi anche -> Referendum taglio parlamentari, le ragioni del Sì e del No

Leggi anche -> Lavori di ristrutturazione? Non c’è solo il bonus “110%”

Per quanto riguarda la percentuale di riconoscimento dei candidati, Fitto è noto al 92% degli elettori contro iò 79% di Emiliano. Antonella Laricchia del Movimento 5 stelle, unica donna tra i competitor, è nota a un elettore su due. Di contro il candidato di Italia Viva Ivan Scalfarotto è conosciuto solo dal 23% delle persone aventi diritto al voto. Quanto ai singoli partiti, il Partito Democratico e la Lega dovrebbero avere il maggior numero di consensi, rispettivamente con il 18% e il 17,5% dei voti. Al terzo posto troviamo il Movimento 5 Stelle che segue a ruota al 17%.